Polizia stronca traffico internazionale droga, venduta anche in Umbria

Polizia stronca traffico internazionale droga, venduta anche in Umbria

La droga – marjiuana e hascisc ma anche cocaina – arrivava in Italia dall” Albania su potenti gommoni che sbarcavano sulle coste della Puglia. Poi raggiungeva Bologna dove veniva stoccata in vari depositi prima di essere smistata fra Emilia-Romagna, Toscana e Umbria. A gestire il traffico era un” organizzazione italo-albanese, scoperta dalla squadra Mobile di Bologna con l” indagine ” Outlet” , coordinata dal Pm Roberto Ceroni della Procura bolognese e avviata alla fine del 2016 dopo un sequestro di hascisc a un cittadino straniero, nell” area di un centro commerciale.

Da quell” arresto, con appostamenti e intercettazioni gli investigatori sono riusciti a decriptare i messaggi in chat che si scambiavano i componenti dell” organizzazione, che aveva al vertice gli albanesi e si serviva di italiani soprattutto per il trasporto e la custodia dello stupefacente.

Al termine dell” inchiesta, che ha visto 35 indagati, il Gip Alberto Gamberini ha emesso 27 ordinanze di custodia cautelare per traffico di stupefacenti, 17 delle quali sono state eseguite oggi a carico di 9 italiani, 7 albanesi e un nigeriano (16 in carcere e una ai domiciliari).

Altri 10 indagati, tutti albanesi, sono ancora ricercati. Nel corso delle varie fasi dell” indagine sono stati sequestrati circa 1.500 kg di marijuana, più di cento kg di hashish e due kg chili di cocaina. Fra i depositi scoperti dalla Polizia ci sono due garage in uso a italiani in via Porrettana e in via Dossetti, a Bologna, oltre a un nascondiglio con 50 kg di ” erba” trovato in un” area boschiva sulle colline di Sasso Marconi. Anche stamani, quando i poliziotti sono andati ad arrestare gli indagati, sono stati trovati 5 kg di marijuana e un piccolo quantitativo di ketamina. Inoltre, a casa di un albanese che abita con la famiglia in zona Saffi, il cane poliziotto ha fiutato 50.000 euro in contanti, in parte nascosti fra i giocattoli del figlio.

Commenta per primo

Rispondi