Polfer passa al setaccio le stazioni ferroviarie di Terni e Orvieto, 100 identificati

Polfer passa al setaccio le stazioni ferroviarie di Terni e Orvieto, 100 identificati

Polfer passa al setaccio le stazioni ferroviarie di Terni e Orvieto, 100 identificati

L’attività di vigilanza e prevenzione realizzata dal Compartimento di Polizia Ferroviaria per le Marche, l’Umbria e l’Abruzzo, opportunamente intensificata in occasione della settimana di ferragosto e svolta con l’impiego di personale dei Posti PolFer di Terni ed Orvieto, ha portato, nella provincia di Terni, a concreti risultati. Sono stati impiegati oltre 80 operatori, effettuati più di 30 servizi dì vigilanza presso le stazioni FS, identificate quasi 100 persone e scortati 8 treni viaggiatori. In particolare, gli uomini della Polizia Ferroviaria di Terni, tra venerdì e sabato, hanno denunciato complessivamente 3 persone.

Nella serata del 17 agosto, mentre una pattuglia automontata si recava a Narrai per effettuare vigilanza pressi quella stazione ferroviaria, notava in viale XX Settembre due persone che trasportavano di peso una bicicletta.

I due, subito fermati, risultavano essere un temano di 45 anni ed una donna trentacinquenne di origini campane, entrambi già noti alle Forze dell’Ordine e con problemi di tossicodipendenza.

La bicicletta che trasportavano, seminuova, risultava ancora assicurata da un lucchetto di sicurezza e, in breve, si accertava che era stata sottratta poco prima ad un avventore di un bar della zona, approfittando della sua momentanea distrazione. La refurtiva è stata immediatamente restituita al legittimo proprietario ed i due, denunciati in stato di libertà, dovranno rispondere di furto aggravato in concorso.

Nella mattinata del 18 agosto, durante i controlli svolti all’interno dello scalo di Terni, una seconda pattuglia individuava un settantottenne di Arrone, che girovagava nell’atrio biglietteria senza scopo apparente.

L’anziano, subito identificato, risultava già gravato da vari pregiudizi di Polizia e sottoposto alla misura degli arresti domiciliari. Sebbene avesse il permesso del giudice per allontanarsi dalla propria dimora per due ore al giorno, al momento del controllo risultava al di fuori dalla fascia oraria consentita e, pertanto, al termine degli accertamenti e dopo averne verificato con certezza l’identità, veniva denunciato in stato di libertà per evasione.

Rapida e fattiva è stata la collaborazione dei colleghi della PolFer di Orvieto con i Carabinieri di Lugnano in Teverina (TR), che ha portato all’arresto di un pluripregiudicato responsabile di una violenta aggressione fisica ai danni di un capotreno delle F.S., avvenuta nella stazione di Alviano (TR) la mattina del 13 agosto u.s.: nella circostanza il capotreno del regionale Firenze-Roma, cercando di impedire che a bordo del treno salisse un venditore abusivo di bevande, veniva da questi colpito con una testata.

Le indagini condotte congiuntamente da PolFer e Arma consentivano l’immediato rintraccio dell’uomo, che veniva tratto in arresto.
Ancona, 20 agosto 2018.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*