Perugia si sveglia di bianco, i mezzi spazzaneve subito in azione 📸 FOTO

 
Chiama o scrivi in redazione


ph Morena Zingales

Perugia si sveglia di bianco, i mezzi spazzaneve subito in azione

di Morena Zingales
Rossa per il Covid, bianca per la neve e nera per il buio. Con questi tre colori Perugia si è svegliata sabato mattina. Il primo colore si sa, è quello che è. Il secondo si sapeva perché i meteorologi lo avevano ampiamente annunciato e la protezione civile aveva emanato il suo bollettino con l’allerta di nevicate in mezza Umbria.

Ed ecco che il capoluogo di regione si è svegliato completamente coperto di bianco, con quasi 10 centimetri di neve.

© Protetto da Copyright DMCA

Nella notte tra venerdì e sabato è successo di tutto. A causa del maltempo si sono verificati i primi disagi che hanno generato diversi guasti. E’ saltata l’energia elettrica nella zona Pallotta, Filosofi, Pellas, Fonti Coperte e altre aree, lasciando al buio diversi residenti della città per quasi 12 ore. Grazie al tempestivo intervento notturno dei tecnici di e-distribuzione l’energia elettrica è piano piano tornata. Solo in via Pellas la corrente è stata ripristinata poco prima delle ore 10 di sabato, mancava dalle ore 23 circa della sera prima.

La neve è bella da vedere, tant’è che diverse persone (poche) sono uscite a fare due passi in centro storico per fotografare il manto bianco che aveva coperto tutta Perugia.

Oltre alla gente c’erano in prima fila i mezzi della Gesenu con gli operai che spalavano la neve a mano dalle strade e da ogni vicolo del centro, seguiti dai mezzi spargisale del comune di Perugia. Su e giù per Corso Vannucci, Piazza IV Novembre, Piazza Italia, Piazza Matteotti, via Baglioni, Scalette di Sant’Ercolano, zona dei Tre Archi e altre vie limitrofe, tutti a lavoro per tenere libere e percorribili le strade dalla neve.



La situazione è comunque sotto controllo sia a Perugia che in altre città, tutto il personale incaricato si è messo in moto per evitare i disagi. Neve anche nella zona del Trasimeno da Passignano sul Trasimeno a Panicale. Gli interventi più importanti sulle zone collinari e montane dell’Orvietano tra Orvieto, Fabro e San Venanzo fino ai confini con il marscianese.

Spazzaneve in azione anche nella zona di Colle Bertone, nel ternano, dove si sono registrati altri fenomeni nevosi. Nelle zone dell’orvietano interessate la neve ha superato i 10 centimetri lungo i rilievi collinari, mentre nelle zone montane è caduta in maniera più abbondante. Le strade sono comunque tutte percorribili.

Date le basse temperature, in alcuni tratti della rete viaria si stanno verificando fenomeni di gelate sulle pavimentazioni stradali, per cui la Provincia raccomanda di mettersi in auto solo se strettamente necessario e comunque di usare massima cautela. Le attività proseguiranno fino alla cessazione dell’allarme meteo.  Al momento – fanno sapere i Vigili del Fuoco -non si riscontrano particolari criticità, interventi sono stati effettuati a causa di alcuni mezzi bloccati dalla neve ed alberi caduti a causa della neve e del vento.

Il centro funzionale della regione Umbria comunica nevicate al mattino su tutta la regione, fino a quote basse, in esaurimento dal primo pomeriggio, salvo residui fenomeni lungo i crinali appenninici fino a sera. Venti forti nord-orientali, con possibili rinforzi fino a burrasca sui crinali appenninici. Temperature in sensibile diminuzione con massime prossime o di poco superiori allo zero. In serata possibilità di gelate diffuse, anche a quote di pianura.

Uomini e mezzi della Provincia di Perugia, Servizio Gestione Viabilità sono impegnati già a partire dalle ore notturne per garantire la sicurezza sulla rete viaria di propria competenza. Il personale a disposizione è tutto in servizio, comprese le imprese, ed è stata attivata la collaborazione con l’Anas. Si sta lavorando per tutta la giornata e si sta predisponendo il sale in previsione dell’ulteriore calo termico notturno, poiché è prevista una forte gelata. Nevicate abbondanti, ma senza troppi disagi, nel territorio della Valnerina e Castelluccio di Norcia, ma tutti i valichi sono transitabili.


Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*