Peng Shuai, stupro ex vicepremier Gaoli, tweet rimosso, clamore mondiale

Peng Shuai, stupro ex vicepremier Gaoli, tweet rimosso, clamore mondiale

La star del tennis cinese Peng Shuai è apparsa oggi a un torneo di tennis di Pechino, secondo le foto ufficiali dell’ evento, dopo le pressioni internazionali per ottenere informazioni sulla sua salute. Peng appare con giacca blu e pantaloni bianchi sportivi alle Fila Kids Junior Tennis Challenger Finals, secondo le foto pubblicate sull’ account Weibo ufficiale del China Open. Si tratta della prima apparizione pubblica della Peng da quando le sue accuse di abuso sessuale sono state ampiamente censurate sul web dalla Cina.


Fonte Agenzia nazionale di Stampa Associata


La due volte campionessa di doppio del Grande Slam non era stata vista pubblicamente da quando all’ inizio di questo mese aveva affermato che l’ ex vicepremier Zhang Gaoli l’ ha “costretta” a fare sesso durante una relazione extraconiugale durata diversi anni. A seguito di una protesta globale, anche da parte delle superstar del tennis e delle Nazioni Unite, i giornalisti dei media statali cinesi hanno rilasciato una raffica di filmati che pretendono di mostrare che tutto vada bene per la Peng.

Un video dell’ evento, twittato dall’ editore del quotidiano Global Times, Hu Xijin, mostra la tennista cinese in piedi in uno stadio tra un gruppo di ospiti i cui nomi vengono annunciati tra il fragore degli applausi. Un giornalista del Global Times ha twittato un altro video che mostra Peng che firma autografi per i bambini in quello che sembra essere lo stesso stadio, prima di posare per le foto con loro.


La tennista 35enne, ex numero uno al mondo di doppio, aveva denunciato di essere stata stuprata dall’ex vicepremier cinese Zhang Gaoli, uno dei leader politici più potenti della Cina dal 2013 al 2018. Lo scorso 2 novembre aveva pubblicato le sue accuse di rapporti sessuali forzati sull’account ufficiale di Weibo (il Twitter cinese).

Il tweet è stato poi rimosso ma non è passato inosservato. A partire dal 4 novembre, la censura cinese aveva provato a fare pulizia sul web di ogni riferimento al messaggio di accusa all’ex vicepremier attribuito a Peng.

Ma tantissimi utenti del social avevano provveduto a fare degli screenshot che hanno cominciato a circolare in modo massiccio. A partire dal quel momento, della tennista si sono perse le tracce. Non una comunicazione, non una apparizione pubblica. E la comunità internazionale ha cominciato presto a interrogarsi su che fine abbia fatto, esprimendo il timore che possa esserle accaduto qualcosa.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*