Operazione Polizia, “Scarface”, 103 misure cautelari in tutta Italia, anche a Terni 🔴

Nove le province interessate in tutta Italia

Operazione Polizia, “Scarface”, 103 misure cautelari in tutta Italia, anche a Terni 🔴

Operazione Scarface. È questo il nome dell’inchiesta che ha portato questa mattina all’arresto di 33 persone, tutte accusate di associazione a delinquere di stampo mafioso e ritenuti parte del clan Di Silvio, l’organizzazione radicata nel territorio di Latina e provincia divenuta sempre più potente in questi anni.

Classiche le immagini delle ville dei Di Silvio tra statue e stucchi d’oro, i leoni ai cancelli d’ingresso come classica “agiografia” dei clan che si rispettino e classici i reati a vario titolo contestati sono: traffico di sostanze stupefacenti, estorsione, sequestro di persona, spaccio di droga, furto, detenzione e porto abusivo di armi da fuoco. L’inchiesta è stata portata avanti dalla Direzione Distrettuale Antimafia e da coordinata dal procuratore aggiunto Ilaria Calò.

Le indagini si sono concentrate sul ramo del clan al cui vertice ci sarebbe Giuseppe Di Silvio conosciuto come ‘Romolo’, già condannato a 25 anni di reclusione per l’omicidio di Fabio Buonamano, avvenuto nel 2010. Nel 2016 con l‘operazione “Alba Pontina” si era disvelato  il potere dei Di Silvio sul territorio di Latina, fatto di coercizione e intimidazioni e di rapporti con  la politica locale.

Le testimonianze dei pentiti hanno parlato di voti ad esponenti di Fratelli d’Italia, ma anche alla Lega. Nonostante gli arresti e le condanne la capacità del clan di Silvio esercitare il potere sul territorio sembra tutt’altro che ridimensionata. Nell’ambito dell’inchiesta odierna, è stato possibile ipotizzare l’esistenza di un gruppo organizzato e finalizzato  all’estorsione ed al traffico illecito di stupefacenti che si è nel tempo sempre più radicato sul territorio di Latina.

Le indagini si sono sviluppate attraverso un’attività di intercettazioni  telefoniche, ambientali e riprese video e sono state implementate dal contributo delle dichiarazioni di collaboratori di giustizia oltre che da quelle rese dalle vittime delle numerose estorsioni, alcune delle quali già oggetto di contestazione con l’operazione “MOVIDA”, conclusa nel mese di Dicembre 2020, allorquando venivano tratti in arresto altri esponenti di spicco del clan Di Silvio. Le indagini traggono spunto da alcune spedizioni punitive organizzate nel centro storico di Latina e da richieste estorsive rivolte ad esercenti commerciali della cosiddetta movida, che evidenziavano il tentativo da parte della famiglia Di Silvio di assumere il controllo del territorio in questa parte della città.

Da ciò nascono le  attività di intercettazione telefonica ed ambientale sul conto di Giuseppe Di Silvio  detto “ Romolo”, il quale impartiva le direttive  dal carcere romano di “ Rebibbia N.C.” attraverso i suoi  fidati familiari. Nel  passaggio di un’intercettazione di Giuseppe  con il genero si ascolta la frase  “che deve tenere tutta la città in mano”, rimarcando quindi il fatto che l’obiettivo dell’associazione è conquistare sempre maggiore potere, non solo nel campo dello spaccio degli stupefacenti ma anche nel controllo del territorio, inducendo gli altri componenti della famiglia a fare riferimento a lui anche con riguardo alla distribuzione dei profitti. Secondo quanto emerge dalle indagini Giuseppe Di Silvio (Romolo) assume il ruolo di capo dopo l’omicidio del fratello Ferdinando, detto il Bello.

Le indagini hanno inoltre permesso di ipotizzare come i Di Silvio abbiano occupato anche una fetta delle piazze di spaccio nei comuni vicini a Latina, come Priverno, Sezze e Pontinia grazie alle attività ivi svolte dai loro pusher, i quali avrebbero coadiuvato i capi e gli organizzatori nell’attività di spaccio, in particolare provvedendo alla distribuzione al minuto dello stupefacente. Ma sono state  riscontate  anche una serie di attività estorsive messe in atto nei confronti di gestori di ristoranti o commercianti (per esempio la consumazione di pasti gratuitamente o l’acquisto di merce varia a somme irrisorie). Nel 2019  il rapimento di P.E. spacciatore della famiglia Di Silvio, poi divenuto collaboratore di giustizia, ha fatto luce sulle  dinamiche criminali della famiglia. Si è anche documentato un episodio di particolare rilevanza che ha visto affrontarsi le famiglia Ciarelli  e Di Silvio che ha portato quasi ad uno scontro armato tra i due gruppi familiari. – See more at: http://www.rainews.it/dl/rainews/articoli/latina-blitz-polizia-di-silvio-latina-stupefacenti-bb6f07da-8f94-4138-bf4c-785fcf627018.html

Perugia, fermati dalla polizia gli spacciatori di Case Bruciate
Prefetto Francesco Messina

Il prefetto Francesco Messina, Direttore Centrale Anticrimine della Polizia di Stato ha dichiarato “i risultati conseguiti dalla Polizia di Stato oggi sono frutto non solo del costante impegno delle donne e degli uomini in servizio presso le strutture investigative centrali e delle questure coinvolte ma altresì di una decisa strategia di contrasto ai fenomeni di criminalità comune e organizzata adottata dalla Polizia di Stato sotto l’egida delle Procure della Repubblica interessate.”

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*