Monteleone di Spoleto, assunzione irregolare? Il sindaco: «Non mi risulta»

 
Chiama o scrivi in redazione


Monteleone di Spoleto, assunzione irregolare? Il sindaco: «Non mi risulta»

Monteleone di Spoleto, assunzione irregolare? Il sindaco: «Non mi risulta»

Assunzione irregolare al comune di Monteleone di Spoleto? Quattro avvisi di conclusione delle indagini preliminari sarebbero stati inviati dal sostituto procuratore Elisa Iacone a quello che viene considerato un non geometra e ai tre pubblici ufficiali che facevano parte della commissione nominata per la selezione.

© Protetto da Copyright DMCA

A comunicarlo in una nota stampa è la Lega che scrive: «Monteleone di Spoleto, assunzione irregolare in Comune, quattro indagati». E chiede le dimissioni del sindaco.

La procura avrebbe iscritto nel registro degli indagati quattro persone con l’accusa di abuso di esercizio della professione, falsità ideologica, reato continuato e concorso nel reato.

«Il comune di Monteleone di Spoleto – proseguono gli esponenti locali del Carroccio – ha proceduto all’assunzione tramite bando di un geometra che, a quanto pare, è in realtà privo del diploma. Con delibera di Giunta 88 del 28-12-2017 – spiegano i leghisti – il Comune di Monteleone ha avviato la procedura per reperire attraverso una selezione pubblica due unità di profilo tecnico categoria C (nello specifico geometra). La Commissione presieduta dal segretario comunale e da appartenenti allo staff del sindaco, al termine delle verifiche e dei colloqui con i candidati, ha designato a tale ruolo un soggetto che, a seguito delle indagini, è risultato poi essere privo del diploma di geometra o di qualsiasi altro titolo equipollente richiesto dal bando. Come se non bastasse, tale soggetto, pur non avendone diritto, ha firmato 4 determine».

Abbiamo contattato il sindaco di Monteleone di Spoleto e la risposta è stata: «Non mi risultano assunzioni irregolari».

Il primo cittadino è estraneo a questo procedimento: «Non c’è nulla – replica quest’ultima – per cui io mi debba dimettere. Ho troppo da fare per questo Comune, la mia serietà e responsabilità vanno oltre certe insinuazioni, che restano tali e respingo totalmente. Sono convinta che anche l’operato degli uffici sia legittimo, per questo sono molto tranquilla e fiduciosa».

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*