Maxi rissa in piazza Danti a Perugia, chiuse le indagini, in 8 rischiano il processo

 
Chiama o scrivi in redazione


Pugni, calci, movida violenta a Perugia alla faccia del covid-19

Maxi rissa in piazza Danti a Perugia, chiuse le indagini, in 8 rischiano il processo

Chiuse le indagini sulla maxi rissa in piazza Danti. La procura di Perugia ha notificato le accuse per rissa a otto ragazzi, di cui tre finiti nei guai anche per lesioni gravi. Una rissa che fece discutere tanto perché accaduta a pochi giorni dall’apertura dopo il lockdown. imposto dal governo a causa del coronavirus.

Era il 23 maggio quando sulle scalette del duomo scoppiò una rissa tra ragazzi ripresa dai cellulari di alcuni giovani. Immagini che poi hanno fatto il giro del web e delle pagine di tutti i giornali locali e nazionali.

Tutti ragazzi tra i 19 e i 21 anni. Uno dei ventenni che partecipò alla rissa dal centro si allontanò verso piazza Grimana e lì fu raggiunto e picchiato dai tre giovani del gruppo rivale, tutti residenti a Perugia, ma di origini campane.

Fu colpito più volte, prima con due pugni e poi con calci, cagionandogli una frattura scomposta del ramo mandibolare di sinistra e del corpo mandibolare in sede para mediana destra. Il ragazzo fu operato all’ospedale Santa Maria della Misericordia: per lui la prognosi fu di 40 giorni. Le difese degli 8 ragazzi sono al lavoro, anche e per evitare un eventuale processo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*