Incidente in A1 ad Orvieto, scontro tra auto e camion, muore una donna 📸 FOTO

Incidente in A1 ad Orvieto, scontro tra auto e camion, muore una donna

Una donna di 76 anni morta e tre feriti lievi è il bilancio di un incidente che si è verificato mercoledì mattina sull’autostrada del Sole tra Fabro e Orvieto, all’altezza del km 442. L’auto sulla quale viaggiava la famiglia, di origini calabresi, avrebbe tamponato un mezzo pesante, stando ad una prima ricostruzione della dinamica da parte della polizia stradale di Orvieto. La vittima si stava dirigendo in auto, un Range Rover Evoque, con un figlio ed altre persone, a Firenze per delle visite odontoiatriche. La donna che sedeva nel sedile posteriore, zia del consigliere comunale di Vibo Valentia, Giuseppe Russo, avrebbe perso la vita immediatamente, sul colpo, mentre gli altri famigliari sono stati trasportati in ambulanza all’ospedale Santa Maria della Stella di Orvieto. Nessuno di loro corre pericolo di vita, tutti hanno infatti riportato lesioni giudicate dai medici orvietani guaribili nel giro di pochi giorni.

I rilievi

Sul luogo dell’evento sono intervenuti soccorsi sanitari e meccanici, le pattuglie della polizia stradale di Orvieto, al seguito del comandante Stefano Spagnoli, e il personale della Direzione di Tronco di Fiano. La polizia ha accertato che l’auto a bordo della quale viaggiava la famiglia ha tamponato un mezzo pesante per poi ribaltarsi più volte. La polizia stradale ha effettuato i rilievi, sequestrando i mezzi coinvolti ed ha gestito il traffico che ha subito un rallentamento. Il traffico, all’interno del tratto interessato, è stato bloccato per diverse ore. Agli utenti diretti verso Firenze è stato consigliato l’uscita ad Orvieto e rientrare in autostrada a Fabro dopo aver percorso la viabilità ordinaria.

Forse distrazione

Una possibile distrazione o un guasto meccanico sono tra le ipotesi al vaglio della polizia stradale anche se i segni lasciati sull’asfalto dal Range Rover lascerebbero propendere per la prima ipotesi.


Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*