Falsi sordomuti, pro onlus bambini in difficoltà, denunciati a Castello

Falsi sordomuti

 
Chiama o scrivi in redazione


Falsi sordomuti, pro onlus bambini in difficoltà, denunciati a Castello

Falsi sordomuti, pro onlus bambini in difficoltà, denunciati a Castello

I Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Città di Castello, nei giorni scorsi hanno deferito in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Perugia, due pluripregiudicati di nazionalità rumena resisi responsabili di tentata truffa. I due, un uomo di 30 anni ed una donna di 29, entrambi senza fissa dimora, come da consolidato modus operandi, essendo già stati denunciati per la commissione di medesimi reati ed allontanati da vari comuni della Toscana e dell’Umbria,avevano individuato nel centro commerciale “Castello” di questo capoluogo, il luogo ideale per portare a termine i loro propositi.

L’uomo, è stato sorpreso dai militari in abiti civili, mentre, fingendosi disabile sordomuto, mostrava un cartello scritto in italiano ed in inglese cercando di ricevere donazioni dai passanti, inducendo peraltro gli ignari malcapitati a credere che la donazione fosse destinata ad una inesistente ONLUS, impegnata nella raccolta fondi per aiutare bambini in difficoltà e portatori di gravi disabilità.

Durante il controllo, i Carabinieri individuavano inoltre, parcheggiata poco distante, l’autovettura con targa rumena in uso al giovane, al cui interno veniva generalizzata la connazionale, anche lei in possesso di un identico cartello e di una consistente somma di danaro contante verosimilmente provento delle raccolte illecite portate a segno nella zona.Condotti quindi presso gli uffici del Nucleo Operativo della Compagnia dei Carabinieri, sequestrati sia i cartelli che la somma contante, oltre alla denuncia in stato di libertà, è scattato anche il divieto di ritorno nel Comune di  Città di Castello.

L’attività dei Carabinieri proseguirà anche nei prossimi giorni, al fine di consentire alle famiglie di trascorrere serenamente le prossime festività e di potersi dedicare con analoga tranquillità all’acquisto dei regali natalizi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*