Finti sordomuti e truffatori chiedono soldi anche a Carabinieri in borghese

Finti sordomuti e truffatori chiedono soldi anche a Carabinieri in borghese

Finti sordomuti e truffatori chiedono soldi anche a Carabinieri in borghese

Due romeni sono stati denunciati a piede libero dai Carabinieri di Terni, per i reati di “truffa aggravata in concorso” e di “contraffazione, alterazione o uso di marchi o segni distintivi ovvero di brevetti, modelli e disegni in concorso”.  I due, secondo quanto riferisce l’Arma Benemerita in una nota, penna biro e foglio in mano, chiedevano alle persone di firmare un presunto certificato regionale per non udenti e fisicamente disabili, così da poter aprire un centro internazionale per i bambini poveri.


di Lucrezia Fioretti


La sfortuna ha voluto che, tra le persone insistentemente fermate per la causa, ci fossero anche due Carabinieri in borghese. A quel punto i militari – visti i comportamenti fraudolenti dei due, che fingevano di essere anch’essi sordomuti – hanno fermato e controllato gli stranieri, che hanno tentato nel frattempo di disfarsi del foglio per la raccolta delle firme.


A Terni nasce il Cospea Village con 35 nuove attività


Dalla successiva visione delle videoregistrazioni della videosorveglianza del centro commerciale e dall’esame del foglio utilizzato per chiedere denaro agli ignari clienti del centro commerciale, i militari hanno scoperto una donazione complessiva stimata a circa €15.000.

A rendere ancora più credibile la truffa, la presenza sul foglio di simboli di associazioni benefiche realmente esistenti, tuttavia all’oscuro del riferimento a loro nella raccolta firme.

I due truffatori sono stati denunciati all’Autorità Giudiziaria ternana per “truffa aggravata in concorso, per aver ostacolato la pubblica o privata difesa, per contraffazione, alterazione o uso di marchi o segni distintivi di associazioni, in maniera fraudolenta”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*