Deturpata la “Casina Piceller” tra Ponte San Giovanni e Collestrada

Deturpata la “Casina Piceller” tra Ponte San Giovanni e Collestrada

Deturpata la “Casina Piceller” tra Ponte San Giovanni e Collestrada

Ancora all’opera a Ponte San Giovanni i vandali dei muri! Ora hanno preso di mira, sfregiandola, la Casina Piceller: un piccolo edificio che si trova tra Ponte San Giovanni e Collestrada “incastonato” tra la superstrada E45 e la strada statale. La sua costruzione è dovuta alla passione antiquaria di Alessandro Piceller, proprietario di alcuni poderi nella zona che sul finire dell’ottocento fece costruire questa piccola casina inglobandovi un’edicola medievale preesistente. Si narra che l’edicola sia stata costruita in memoria della battaglia di Collestrada avvenuta nel 1202  durante la quale venne fatto prigioniero San Francesco d’Assisi. Di questo fatto parla proprio la targa posta nel 1988 in occasione del restauro che recita:

che la tradizione vuole legata alla spirituale avventura del santo poverello di Assisi

Secondo altri nel medesimo luogo doveva esserci stata una torre medioevale posta a difesa del territorio di Perugia, che veniva inoltre utilizzata come deposito di offerte pecuniarie e viveri destinati ai lebbrosi ricoverati nel vicino Ospedale di Collestrada. Si sa che intorno alla metà dell’Ottocento l’edificio era di proprietà della famiglia Piceller e che, alla fine dello stesso secolo, l’eccentrico archeologo ed antiquario Alessandro la volle ristrutturata e riadattata a casetta campestre secondo lo stile del ‘400 perugino.

Sarebbe necessario creare anche a Ponte San Giovanni una sezione del gruppo “Angeli del Bello” operativo in altre città per il controllo e la segnalazione di questi sfregi che costano, alle amministrazioni, circa 26 milioni di euro per la ripulitura e il ripristino dei muri.

Imbrattati è quanto si augura Antonello Palmerini, presidente della Pro Ponte, che per primo ha fatto caso dello scandaloso “omaggio” dei graffitari da strapazzo , magari, da strapazzare.

Gino Goti 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*