Crollo ponte, a Genova anche Derby, Jana, Kreole e Apo, i cani Vigili del fuoco dell’Umbria FOTO e VIDEO

Crollo ponte, a Genova anche Derby, Jana, Kreole e Apo, i cani Vigili del fuoco dell'Umbria

Crollo ponte, a Genova anche Derby, Jana, Kreole e Apo, i cani Vigili del fuoco dell’Umbria. Proseguono le operazioni di messa in sicurezza del ponte Morandi. Gli esperti in tecniche SAF (Speleo Alpino Fluviali) e i vigili del fuoco specializzati in movimento terra (GOS) sono ancora impegnati nelle operazioni. Le squadre rimuovono i detriti, abbattono alcune parti del ponte, secondo le indicazioni della Procura della Repubblica. Il repertamento delle parti rimosse viene effettuato dai nuclei TAS (Topografia Applicata al Soccorso) e NIAT (Nucleo Investigative Antincendi Territoriale), di concerto con la Polizia Scientifica. Parallelamente continua l’assistenza alla popolazione per il recupero dei beni personali nelle abitazioni dichiarate non più agibili.

Dopo 4 giorni di lavoro ininterrotto, i vigili del fuoco hanno trovato i corpi delle 4 persone che ancora risultavano disperse. Nel soccorso, le squadre di terra sono state supportate da personale addestrato per le ricerche sotto le macerie (Urban Search and Rescue) e da quello esperto in tecniche SAF (SpeIeo Alpino Fluviali). Anche i nuclei cinofili hanno contribuito ad individuare le persone rimaste sotto le parti del ponte crollato.

<<< VIDEO >>>

Il cedimento ha interessato circa 200 metri della struttura ed ha coinvolto una quarantina di veicoli tra automobili e mezzi pesanti. Circa 400 vigili del fuoco sono al lavoro dal 14 agosto con oltre 100 mezzi. Le squadre di terra, supportate da personale esperto in tecniche USAR (Urban Search and Rescue) in tecniche SAF (Speleo Alpino Fluviali) e dai nuclei cinofili, continuano senza sosta le ricerche dei dispersi.

LEGGI ANCHE: Viadotto crollato a Genova, gli Angeli che salvano vite umane

Dalla tarda mattinata di ieri, circa 400 vigili del fuoco con 100 automezzi sono impegnati nell’opera di soccorso a seguito del crollo di una parte del viadotto Morandi. AI lavoro anche personale esperto in ricerca sotto le macerie (USAR) e in tecniche di derivazione speleo alpino fluviale (SAF), a cui si sommano i nuclei cinofili di diversi comandi.

Dal pomeriggio del 14 agosto i Vigili del fuoco dell’Umbria hanno preso parte alle operazioni di soccorso con la unità cinofile, quattro cani e quattro conduttori dei Comandi di Perugia e di Terni. Unità addestrate per le ricerche in superficie e sotto alle macerie che sono state già impegnate nelle zone più colpite dal sisma del 2016 nel centro Italia.

Da Terni sono stati inviati a Genova due unita cinofile (Capo Squadra Albergotti e Vigile Coordinatore Guiso) impegnati con i loro cani un Border Collie di nome Derby ed un Australian Shepherd di nome Jana, e il Capo Reparto Petrucci per la comunicazione e la documentazione. Da Perugia il Caposquadra Mancinelli ed il Capo Reparto Caira con i rispettivi cani, Kreole (un femmina di bovaro bernese) e Apo (australian Kelpie).

l cinofili dell’Umbria sono stati inseriti nel dispositivo di soccorso organizzato nella zona dei crolli ed hanno operato unitamente alle squadre di altri Comandi con turnazioni di sei ore, controllando la zona dell’isola ecologica, della tratta ferroviaria e del fiume Polcevera. ll loro contributo, in uno scenario così complesso ed articolato è stato determinante per il ritrovamento di alcune persone, purtroppo non più in vita.

Questa realtà operativa dei cinofili Umbria ha una tradizione decennale ed è in continua espansione sia in termini di numeri che di professionalità. Si tratta di unità che dopo una verifica iniziale, mensilmente vengono sottoposti ad addestramenti e prove per la verifica del mantenimento delle capacità operative che viene effettuato in vari siti nazionali. Presso la sede dei Vigili del fuoco di Città di Castello è operativa un campo macerie, normalmente utilizzato per queste prove, che dovrebbe essere presto potenziato.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*