Covid, Piemonte sospende vaccino AstraZeneca dopo morte docente

 
Chiama o scrivi in redazione


Arriva vaccino AstraZeneca entro l'anno, efficace al 90 per cento

Covid, Piemonte sospende vaccino AstraZeneca dopo morte docente

A seguito della morte, avvenuta a Biella, di un docente a cui nella giornata di ieri era stato somministrato il vaccino AstraZeneca, in attesa degli esiti dei riscontri per verificare l’eventuale nesso di causa, in via precauzionale il commissario dell’Area giuridico-amministrativa dell’Unità di crisi della Regione Piemonte, Antonio Rinaudo, ha disposto immediatamente la sospensione su tutto il territorio regionale della somministrazione del vaccino AstraZeneca per i dovuti accertamenti sul lotto coinvolto. E’ stata subito convocata la Commissione piemontese sulla farmaco-vigilanza per l’attivazione di tutte le procedure previste dalla legge.

© Protetto da Copyright DMCA

Anche l’Irlanda ha sospeso “temporaneamente” e “in via precauzionale” l’utilizzo del vaccino anti-Covid sviluppo da AstraZeneca “sulla base di nuove informazioni dalla Norvegia emerse la scorsa notte”. Lo ha annunciato su Twitter il ministro irlandese della Salute, Stephen Donnelly.  La decisione segue la richiesta delle autorità sanitarie irlandesi che avevano auspicato al governo lo stop a AstraZeneca come già deciso da diversi altri Paesi europei per i timori degli effetti collaterali del siero.

“Questa raccomandazione è stata formulata a seguito di un rapporto dell’Agenzia norvegese per i medicinali su quattro nuove segnalazioni di gravi eventi di coagulazione del sangue in persone adulte dopo la vaccinazione con il vaccino per il Covid-19 di AstraZeneca”, aveva spiegato il vice Chief medical officer dell’Irlanda, Ronan Glynn, citato dai media locali.

In Irlanda finora sono state vaccinate circa 590mila persone su 4,9 milioni di abitanti, il 20% delle quali con AstraZeneca. Questo vaccino è stato somministrato soprattutto tra gli operatori sanitari dal momento che inizialmente era stato sconsigliato agli over 70.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*