Assalto al bus del Perugia Calcio dopo sconfitta, 18 tifosi a processo 🔴 VIDEO

 
Chiama o scrivi in redazione


Assalto al bus del Perugia Calcio dopo sconfitta, 18 tifosi a processo

I 18 ultras del Perugia calcio, imputati per la contestazione nei confronti dei giocatori del Grifo dopo la sconfitta in trasferta con lo Spezia (4-2) il 21 ottobre del 2017, sono stati rinviati a giudizio. L’udienza è fissata per il 28 ottobre prossimo. Le accuse ipotizzate, a vario titolo, vanno dal danneggiamento alla violenza privata fino alla violazione del daspo.

I tifosi, nel decreto di citazione emesso dalla Procura di Perugia, “in concorso tra loro e con altri numerosi tifosi della squadra Perugia Calcio, con violenze e minacce costringevano l’autista dell’autobus dell’Ac Perugia con a bordo i giocatori della prima squadra e lo staff tecnico, ad arrestare la marcia del veicolo, impedendo loro, per dieci minuti circa, di far ritorno verso il parcheggio B1 dello stadio Renato Curi. Assalivano l’autobus e, dopo il lancio di un sasso contro il finestrino operato da una persona non identificata, iniziavano a intimorire i passeggeri lanciando alcuni fumogeni, sferrando dei calci e dei pugni sulla carrozzeria tanto da causare l’arresto forzato del veicolo”. Gli imputati sono difesi dagli avvocati: Michele Nannarone, Stefano Tentori Montalto, Vincenzo Bochicchio, Andre Pierozzi, Saschia Soli, Gianluca Calvieri, Marco Brambatti e Silvia Serangeli.



 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*