Anziano in stato confusionale soccorso in piena notte dalla polizia

Anziano in stato confusionale soccorso in piena notte dalla polizia

La Polizia di Stato di Perugia, in seguito alla richiesta di aiuto di due donne, è intervenuta la scorsa notte nei pressi dello stadio “Renato Curi” dove era stato segnalato un signore anziano che, in preda ad uno stato confusionale, correva in direzione del cinema multisala di Pian della Genna.


Fonte: Questura di Perugia


Erano da poco passate le due di notte e la temperatura era ben al di sotto gli zero gradi quando gli agenti della Squadra Volante, impiegati negli ordinari servizi di controllo del territorio, sono stati attirati da due donne che con agitazione hanno riferito agli agenti di aver visto un uomo anziano, in totale stato confusionale, correre in direzione dello stadio “Renato Curi”.

Le donne hanno spiegato agli operatori di aver tentato di raggiungere l’uomo con l’auto ma di non esserci riuscite poiché, giunte all’altezza del percorso pedonale che porta verso il multisala cinematografico di Pian della Genna, si erano dovute fermare vista l’impossibilità di accedere con l’autovettura.

Gli agenti, quindi, hanno immediatamente dato avvio alle ricerche dell’uomo. Dopo una corsa a perdifiato, l’uomo è stato raggiunto nei pressi del Centro Borgonovo.

Non è stato difficile per gli operatori dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico comprendere, sin da subito, lo stato di profondo smarrimento dell’80enne, ex calciatore professionista, che alternava attimi di lucidità a profondi stati confusionali.

Dopo aver allertato i sanitari del 118 dell’Ospedale Santa Maria della Misericordia di Perugia al fine di poter assicurare le prime cure all’uomo, gli agenti hanno contattato i parenti dell’anziano dai quali hanno appreso che l’uomo, dopo essere stato accompagnato a dormire dal proprio assistente domiciliare, era uscito di casa senza farsi sentire.

Grazie al provvidenziale intervento dei poliziotti è stato possibile evitare il peggio e riaffidare l’anziano signore alla cura dei suoi parenti, i quali hanno ringraziato gli agenti per il prezioso aiuto.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*