15 anni per i complici del ladro che morì a Ponte Felcino in una sparatoria

15 anni per i complici del ladro che morì a Ponte Felcino in una sparatoria

15 anni per i complici del ladro che morì a Ponte Felcino in una sparatoria

15 gli anni ai quali sono stati condannati i tre complici del ladro che morì, durante una sparatoria, dopo l’assalto ad una tabaccheria di Ponte Felcino, alle porte di Perugia. Era il 4 ottobre 2018 quando Eduart Kozi fu ucciso durante una sparatoria con due carabinieri e un vigilantes.


Fonte Il Messaggero – Egle Priolo
di Lucrezia Fioretti


I carabinieri e la guardia giurata, secondo la sentenza, si trovarono a difendersi dalla banda che speronò l’auto del vigilante non travolgendolo per poco, come spiega Egle Priolo sul Messaggero. 14 i colpi di proiettile partiti, indirizzati verso le gomme dell’auto rubata, uno, dopo un rimbalzo fortuito, colpì però la testa di Kozi. I complici del ladro finirono per lasciare il suo cadavere poco lontano dalla stessa tabaccheria. Il bottino della serata fu di 16mila euro di sigarette, 15mila di gratta e vinci e contanti dalla cassa.

Il primo grado di processo si è concluso quindi con delle pene ancora più pesanti di quelle che erano state richieste dalla Procura. Il giudice – Angela Avila – ha deciso per il patteggiamento a tre anni e  mezzo per , il cugino della vittima, sei anni e due mesi per il terzo e cinque anni e quattro mesi per il quarto complice albanese, che è ancora latitante. Per i due carabinieri e la guardia giurata, invece, le posizioni sono state archiviate e sono stati costituiti parte civile nel procedimento, richiedendo tuttavia 30mila euro per ciascun militare e 25mila per il vigilante.

Non si esclude il ricorso in appello.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*