Pierpaolo Ramotto presenta “Armonokromie”: viaggio nell’armonia dei colori

Pierpaolo Ramotto presenta “Armonokromie”: viaggio nell’armonia dei colori

Pierpaolo Ramotto presenta “Armonokromie”: viaggio nell’armonia dei colori

Pierpaolo Ramotto di Gilberto Scalabrini –  Questa mattina, in conferenza stampa presso palazzo Baldeschi in via Baglioni a Perugia, sede centrale della Fideuram, l’artista Pierpaolo Ramotto ha presentato la sua personale. Il maestro, già docente all’Accademia di Firenze, da giovedì 20 giugno (ore 18:00) esporrà le sue opere a Foligno, presso la sede distaccata della Fideuram in Corso Cavour 36.

L’artista ha realizzato oltre cento opere che ricordano la chiusura della Bauhaus a Weimar. Ogni opera crea curiosità, emozione e meraviglia attraverso il colore del panneggio e lo sfondo che danno luce alle sue composizioni. Spiega così il titolo della mostra “Armonokromie”: «Ogni opera si compone di tre fasi: “armo”, l’armonia dei volumi, “mono”, l’antico utilizzo del singolo colore, “kromia”, con l’uso della lettera ‘k’ rafforzativa della parola greca alla quale si riferisce».

Tre importanti elementi che vanno a comporre e saldare l’attitudine di Pierpaolo Ramotto, i cui contatti con l’arte internazionale e italiana, non fanno altro che caratterizzare la singolare ed eclettica produzione, tesa a rivelare la verità; sospendendo l’opinione. “Armo”, “mono” e “kromia” sono presenti nei suoi lavori inediti, tesi a restituire la ricerca compiuta dall’autore concernente lo spazio concesso all’opera e il rapporto tra essa e lo spettatore; assilli inesauribili che puntualmente chiamano in causa l’artista umbro, riparato nel suo studio, intento a tenere lucida la sua sana follia.

E’ la disputa tra Zeusi e Parrasio, narrata da Plinio che fa muovere la narrazione verso l’allusione e l’illusione grazie alla presenza di un panneggio, reiterato nella composizione, associato ad un intervento pittorico monocromatico, che ne definisce il valore tonale ripercorso nella storia anche recente.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*