Enrico Rava Special Edition Septet a Umbria Jazz in August🔴 FOTO E VIDEO

 
Chiama o scrivi in redazione


OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Enrico Rava Special Edition Septet a Umbria Jazz in August

Il miglior modo per ricordare uno dei più grandi manager italiani del jazz, Mario Guidi, un concerto sontuoso, di rara fattura. Rava con il suo settetto, dove da anni ormai, milita il pianista Giovanni Guidi (il figlio di Mario ndr), è la prova provata di quanto in alto sia arrivato il jazz italiano, secondo a nessuno al mondo, oramai. E proprio Giovanni, pur contraddistinto dalla sua “consueta” e apprezzata eleganza stilistica ci è sembrato più “muscolare” e ritmico del solito. Un bel sostegno per la tromba italiana migliore al mondo, quella di Enrico Rava.
Era qualche anno che non li sentivamo più insieme e l’impressione è stata delle migliori, compatti, solidissimi, mai banali nelle improvvisazioni. Con un Giianluca Petrella mai visto in questa forma, anche lui deve tantissimo al grande manager che non c’è più e sul palco di piazza IV Novembre si è sentito.

Interplay fantastico tra tutti i musicisti, grandi tutti, per quello che, di fatto, è stato io concerto di punta dell’edizione ridotta di Umbria Jazz, Jazz in August. (MarMig)


L’ottantenne Enrico Rava è salito sul palco di Jazz in August in piazza IV Novembre. L’anno scorso per festeggiare il suo ottantesimo compleanno si è fatto un regalo d’eccezione: allestire una “Special Edition” che raccoglieva alcuni dei talenti da lui scoperti e lanciati negli anni recenti.
  • Concerto dedicato a Mario Guidi

Della Special Edition fanno parte Francesco Bearzatti, Gianluca Petrella, Giovanni Guidi e la sezione ritmica del New Quartet che vinse nel 2015 il referendum di Musica Jazz: Francesco Diodati alla chitarra, Gabriele Evangelista al contrabbasso e Enrico Morello alla batteria. Oggi sono tutti protagonisti della scena italiana (e non solo) del jazz.
È forse inutile sottolineare ancora una volta quanto Rava abbia inciso sullo sviluppo del jazz italiano ed europeo.
Il free jazz dei primi anni della carriera con Steve Lacy e Gato Barbieri, l’esperienza newyorkese con Cecil Taylor, Carla Bley e la JCO (la monumentale opera della Bley, Escalator Over The Hill), gli incroci con l’avanguardia europea, la scoperta dell’opera lirica in chiave jazz, le collaborazioni con alcuni dei più importanti artisti della scena contemporanea: sono capitoli, più che di una singola biografia, della storia del jazz italiano.
Enrico RAVA – trumpet & flugelhorn Gianluca PETRELLA – trombone Francesco BEARZATTI – tenor sax Francesco DIODATI – guitar Giovanni GUIDI – piano Gabriele EVANGELISTA – bass Enrico MORELLO – drums

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*