Inquinamento record a Maratta, a Terni, ma caminetti spenti

"Basta prese in giro, serve rimodulare i fondi dell'Accordo di Programma"

Inquinamento record a Maratta, ma caminetti spenti

Inquinamento record a Maratta, a Terni, ma caminetti spenti

Inquinamento – Record di sforamenti pm10 a Maratta. Già superati i limiti dei livelli di concentrazione stabiliti dal D.lgs. 155/2010. Ad oggi 36 sforamenti totali dall’inizio dell’anno nella centralina. Anche nell’ottobre più caldo degli ultimi 40 anni sono stati superati per ben sei volte i limiti medi giornalieri di 50 µg/m3. L’anno scorso nello stesso mese si verificarono zero sforamenti.

Sarà colpa dei caminetti e delle stufe?

Dopo i livelli record di metalli pesanti che abbiamo documentato nei giorni scorsi con nichel (30 volte i livelli di Perugia) e cromo (130 volte i livelli di Perugia) da record questa volta l’allarme arriva dai livelli di polveri fini presenti nell’aria.

di Thomas De Luca – M5S

Mentre la furia ideologica negazionista della destra continua a prendersela con caminetti e stufe la situazione ambientale della conca ternano narnese continua, sempre più drammatica.

Dieci anni senza gli screening oncologici richiesti dallo Studio Sentieri
Thoimas De Luca M5s

Contro ogni logica, contro ogni studio accreditato e contro ogni senso del ridicolo si continua ad affermare che la causa principale dell’inquinamento a Terni dipende per il 75% dai caminetti e in conseguenza di ciò si continuerebbero a spendere inutilmente milioni di euro per iniziative in comunicazione volte ad alterare la percezione dei cittadini che i loro camini e stufe siano la causa dell’eccesso delle polveri fini che puntualmente si registrano a Terni con valori anomali di metalli pesanti.

A tale riguardo con un’interrogazione a risposta orale in discussione nel prossimo question time di martedì 8 novembre abbiamo chiesto all’assessore Morroni la revisione dell’Accordo di Programma con il Ministero per la Transizione ecologica che avrebbe avanzato la disponibilità di ulteriori 25 milioni di finanziamento in relazione all’Area ambientale complessa della Conca ternana.

Importanti risorse che secondo il Movimento 5 Stelle andrebbero spese per studi epidemiologici, eziologici e attività di screening sulla popolazione esposta così come richiesto dall’Istituto superiore di Sanità che ha analizzato l’eccesso di patologie tumorali attraverso lo studio SENTIERI, e per un vero processo di transizione ecologica verso sistemi di produzione sostenibili con modalità di monitoraggio, controllo e repressione delle emissioni fuggitive negli impianti industriali.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*