Comincia la stagione del Teatro Brecht di Perugia a cura di Fontemaggiore

Comincia la stagione del Teatro Brecht di Perugia a cura di Fontemaggiore
Fontemaggiore

Comincia la stagione del Teatro Brecht di Perugia a cura di Fontemaggiore

Apre sabato 24 ottobre La Quinta Stagione 2015-2016 del Teatro Brecht di Perugia curata da Fontemaggiore Centro di Produzione Teatrale. Una stagione e un luogo che si confermano spazio privilegiato per il teatro contemporaneo: pur volendo offrire, a noi e allo spettatore, questa “etichetta” come un’indicazione geografica che aiuti a capire dove siamo, non amiamo le rigidità e le chiusure.  Il nostro lavoro è quello delle “antenne” che captano ciò che di vivo si muove e pulsa sulla scena teatrale italiana e umbra.

Ospitiamo in apertura MDLSX, il nuovo “scandaloso” spettacolo dei Motus, prestigiosa compagnia tra le più importanti del teatro di ricerca italiano. In scena l’attrice Silvia Calderoni in una confessione radicale sull’androginia e l’intersessualità, sostenuta da un linguaggio teatrale di estrema intensità e bellezza formale.

Presentiamo poi due nuove produzioni di Fontemaggiore: Pieno di vita, per la regia di Beatrice Ripoli, vede in scena Valentina Renzulli insieme a tre attori al debutto, provenienti dalla nostra scuola di teatro Mutazioni. Lo spettacolo, divertente e scanzonato, invita gli spettatori a salire sul palco per una visione ravvicinata e una riflessione sul proprio personale  “pieno di vita”.
L’altra produzione targata Fontemaggiore in programma è Enrico e Quinto, in cui Stefano Cipiciani porta in scena Shakespeare, ma soprattutto i suoi racconti di uomo e d’attore, con l’importante regia di Massimiliano Civica.

Vedremo poi le ultime due creazioni di Occhisulmondo, giovane compagnia perugina che sta fiorendo artisticamente con opere sempre più convincenti, affermandosi nel panorama nazionale con spettacoli di teatro ragazzi e di teatro contemporaneo: Greta la matta, una fiaba “nera” grottesca e suggestiva, e Alice Dragstore, un viaggio nel mondo delle Drag Queen.

Ad emozionare ed affascinare gli spettatori, il teatro di narrazione con Stefano Baffetti ne L’Isola degli uomini: storia di quindici pescatori dell’Isola Maggiore che trassero in salvo ventisei ebrei destinati alla deportazione.

Non mancheranno poi le consuete incursioni nella danza contemporanea: Independent preview, nuova creazione della compagnia Undercover Dance Company di Manuela Giulietti e una serata con due performance a cura di Simona Bucci e Dance gallery, Frane e Home.

Si chiude con una particolare produzione de La società dello spettacolo, Io sono non amore, sulla figura della Beata Angela da Foligno. Una figura di mistica sui generis, il cui confronto con Dio non è privo di resistenza, anzi, è una sorta di sfida lanciata al divino.

Vogliamo citare un’importante novità di quest’anno: il progetto Insegnanti a teatro, rivolto agli insegnanti delle scuole di ogni ordine e grado. Il progetto nasce con l’intenzione di favorire la conoscenza del teatro contemporaneo tra gli insegnanti, a cui viene riservato un abbonamento ad un prezzo particolarmente conveniente per le tre stagioni di teatro contemporaneo curate da Fontemaggiore (Perugia Teatro Brecht, Spello Teatro Subasio e Trevi Teatro Clitunno) e la possibilità di partecipare ad alcuni incontri ed iniziative di approfondimento.

Questa stagione mostra che il mondo teatrale continua a crescere e a creare, che è una forza ancora viva in una società impantanata in quella che sembra una lenta agonia. E mostra che Fontemaggiore, pur tra le difficoltà, non abdica al suo ruolo di Centro di Produzione Teatrale per la città e la regione, come recentemente riconosciuto dall’ultimo decreto ministeriale.

stagione del Teatro Brecht

Print Friendly

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*