Terremoto, Giovanni Legnini nuovo commissario straordinario per la ricostruzione

 
Chiama o scrivi in redazione


Nuovo servizio assistenza sisma 2016 per risposte e chiarimenti

Terremoto, Giovanni Legnini nuovo commissario straordinario per la ricostruzione

L’avvocato abruzzese, Giovanni Legnini, già parlamentare della Repubblica, è stato nominato dal presidente del consiglio dei ministri, Giuseppe Conte, quale nuovo Commissario straordinario per la ricostruzione nei territori delle Regioni Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria. L’incarico affidato a Legnini, che decorre da oggi e durerà fino al 31 dicembre 2020, era stato precedentemente svolto dal prof. Piero Farabollini, cui vanno – come si dice in questi casi – i ringraziamenti della Presidenza del Consiglio per il lavoro svolto. La nomina è arrivata in considerazione della proroga dello stato di emergenza in conseguenza degli eccezionali eventi sismici che hanno colpito il territorio delle quattro regioni

Nato in Abruzzo nel 1959, ho studiato giurisprudenza e dopo la laurea ha esercitato la professione di avvocato. Nel 2000 si è iscritto all’albo dei cassazionisti. Fin da ragazzo, quando svolgeva il servizio civile, si è impegnato in ambito politico e sociale nei movimenti progressisti e riformatori. E’ stato Sindaco di Roccamontepiano e Presidente del Consiglio Comunale di Chieti, e poi eletto rappresentante del collegio Abruzzo in Parlamento, dove ha svolto un’intensa attività legislativa, occupandosi in particolare delle leggi di bilancio, finanziaria e stabilità. Con il centrosinistra è entrato a far parte del Governo come Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega all’editoria e all’attuazione del programma, e successivamente sempre come Sottosegretario all’economia, si è occupato di dogane e monopoli, della ricostruzione post terremoto 2009, del Comitato interministeriale programmazione economica, dei piani di rientro degli enti locali compreso Roma Capitale. Nel 2014 il Parlamento in seduta comune lo ha votato come componente del Consiglio Superiore della magistratura, dove poi il plenum lo ha eletto Vicepresidente. Alle elezioni regionali del febbraio 2019, raccogliendo l’appello di tanti sindaci e amministratori locali, si è candidato a Presidente della Regione Abruzzo ottenendo la fiducia di un terzo degli elettori con un progetto politico basato su un programma di sviluppo sostenibile con un’ampia coalizione tra progressisti, liberali e civismo.

1 Trackback / Pingback

  1. Norcia, Valerio Mancini annuncia incontro per questione post-simsa 2016

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*