Legge in Materia di Sisma, veloce in Consiglio, Ricci, voto a favore

Ritardi e normative complesse nella ricostruzione, interviene Claudio Ricci
Legge in Materia di Sisma, veloce in Consiglio, Ricci, voto a favore Condivido la Decisione del Presidente Donatella Porzi di Portare, in modo Veloce, nel Consiglio Regionale dell’Umbria la Legge in Materia di Sisma. Claudio Ricci: Voteró l’Atto che Sblocca circa 300 Milioni € e Velocizza i Tempi Urbanistici in Valnerina. Ci sono tematiche, come la ricostruzione in Umbria, che devono, a mio avviso, essere tenute “molto lontane” delle dialettiche politiche. Per questo concordo con la decisione del Presidente dell’Assemblea Legislativa Donatella Porzi che ha deciso, in linea con quanto condiviso in conferenza dei presidenti del gruppi consiliari, di iscrivere il prima possibile (il 3 ottobre prossimo) all’Ordine del Giorno la Legge (testo unico) in materia di sisma.
Il testo unico, su un piano meramente tecnico, cerca di semplificare (riducendo i tempi delle autorizzazioni urbanistiche e ottimizzando le procedure con maggiore flessibilità), attivare la ricostruzione insieme allo sviluppo, delle zone colpite dal sisma, attraverso il PSV Piano di Sviluppo Valnerina, e tutelare la qualità del paesaggio attraverso strumenti che si ispirano al prossimo PPR Piano Paesaggistico Regionale.
Come emerso durante l’ultima seduta in Commissione Consiliare con questa norma vengono “sbloccati” i primi 300 Milioni € (circa) per interventi pubblici (e le conseguenti gare) e risolti problemi e dubbi urbanistici in particolare a Norcia e nelle zone della Valnerina.
Per questi motivi voterò, in modo convito, il testo unico sul sisma (che include anche adeguate deroghe per consentite l’utilizzo delle risorse “rimanenti” del sisma del 1997: circa 200 Milioni €) per dare, in modo responsabile, un adeguato strumento di sviluppo, dopo il terremoto, all’Umbria.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*