Perugia-Vis Pesaro, alla ricerca di punti e di gioco

La partita del Curi arriva dopo una vittoria esterna di Angella e compagni

Perugia-Vis Pesaro, alla ricerca di punti e di gioco

Perugia-Vis Pesaro, alla ricerca di punti e di gioco

Perugia-Vis Pesaro – Domenica, ore 16,15, stadio Renato Curi. Il Perugia gioca per la diciassetttesima di campionato contro la Vis Pesaro una gara che lo vede costretto a rincorrere con tredici punti di distacco la vetta della classifica. Quando mancano due sole gare al termine del girone di andata, lo “scudetto”di inverno è praticamente cucito sul petto del lanciatissimo Cesena che, dall’alto della vetta della classifica, guarda tutte le concorrenti dall’alto verso in basso lanciando, attraverso le proprie vittorie, messaggi intimidatori di irraggiiungibilità a tutte le inseguitrici.

di Gianluca Drusian

Il Perugia di mister Baldini, prima dell’inizio del girone di ritorno e dell’apertura del mercato di riparazione di gennaio (se mercato verrà fatto), ha, oltre all’impegno di questa domenica, due partite da tripla al vecchio e mai dimenticato totocalcio contro Arezzo e Cesena. La partita del Curi arriva dopo una vittoria esterna di Angella e compagni, quella di Olbia, nella quale i tifosi perugini presenti pur avendo visto ripagati i propri sacrifici di spesa, tempo e di difficoltà nella logistica del trasferimento in Sardegna, hanno dovuto constatare la solita mancanza di cattiveria davanti all’ area di rigore avversaria ed hanno dovuto penare fino ad oltre il novantesimo per poter gioire della vittoria.

Tifosi, organizzati e non che, nonostante le difficoltà del campionato ed il mancato feeling con l’attuale proprietà, continuano a restare vicino alla squadra ed ai giocatori e proseguono nel loro normale modo di onorare la loro passione organizzando per il 19 dicembre la solita festa di Natale in presenza delle vecchie glorie biancorosse ma, con molta probabilità, in totale assenza dei protagonisti di oggi. Per quanto riguarda la partita odierna, la Vis Pesaro arriva al Curi dopo una vittoria ed un pareggio interno.

La rosa appare composta da un mix di vecchie glorie e giovani con Valdifiori, probabilmente, il giocatore con il passato più illustre sui campi di A e B ai tempi di Empoli insieme con gli altri senatori Pucciarelli e Tonucci. Il Mister Bancheri, la cui storia professionale è del tutto particolare ed assomiglia molto a quella di mister Alvini passato per Perugia poche stagioni or sono.

Come il mister toscano , infatti, il tecnico pesarese (ma nativo di Torino) arriva tra i professionisti senza essere stato calciatore ad alti livelli e dopo essere passato da panchine di settori giovanili a panchine di serie D e semiprofessionismo. Fino ad arrivare in C come tecnico del Novara, tappa quest’ultima che gli ha permesso di realizzare quel sogno di poter fare della propria passione un lavoro a tempo pieno (prima di allora il mister era dirigente di azienda). La Vis, che in settimana ha festeggiato con i propri tifosi i 125 anni di vita, si schiererà molto probabilmente con un 4-3-2-1 che vede nello “spilungone” Syla, alto 1,96 cm, la punta centrale attorno alla quale gireranno tutti i restanti compagni di squadra.

Il Perugia di Baldini è possibile che riproporrà il 4-3-3-vincente di Olbia. In considerazione del rientro in squadra di Iannoni, il centrocampo vedrà titolare il trio Iannoni-Bartolomei-Santoro in danno di Kouan e Torrasi. In attacco, invece, al posto di Vazquez ancora non convocato, come punta centrale ci sarà il giovane Seghetti insieme a Lisi e Ricci con Matos fermo ai box. In difesa, invece, insieme ad Angella e Vulikic, gli esterni dovrebbero essere Mezzoni e Bozzolan con Adamonis in porta. Arbitro Enrico Gigliotti di Cosenza

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*