Luigi Busà fa il suo dovere di grande campione di karate e vince le Olimpiadi

Carabiniere siciliano specialità kumite diretto dal mitico allenatore Claudio Guazzaroni

Luigi Busà fa il suo dovere, grande campione di karate vince le Olimpiadi

“Sono 34 anni che aspetto questa notte, infatti non devo dormire. Si e’ fatta attendere, ma è bellissima”. Lo ha detto Luigi Busa’, medaglia d’oro nel karate, collegato con Casa Italia. “Sognavo da sempre di portare Avola in festa. Invito tutti gli amici di sempre a rendere questa bandiera, voglio festeggiare con tutto il paese, sono orgoglioso di Avola e degli avolesi”, ha aggiunto il siciliano che ha poi spiegato da dove deriva il soprannome “gorilla di Avola”. “Nasce da una mia esultanza, mi sono battuto i pugni sul petto, in nazionale mi dissero il “gorilla”, poi ho letto la storia ed è un animale favoloso”.

“Come vorrei festeggiare? Ci vuole la birretta…”, ha aggiunto con il sorriso Busà. “Però non è finita per noi del karate c’è un’altra ragazza e può arrivare un’altra bellissima medaglia e voglio festeggiare con tutti”, ha proseguito con un pensiero al padre. “Nella mia medaglia vedo mio papà, gliela avevo promessa da piccolo, i carabinieri, la Fijlkam. Il karate è stato il punto fermo della mia vita, e non sempre bello, a tratti l’ho odiato. Vorrei fare più festa ma non riesco, è favolosa. Ho preso souvenir a tutti tranne che a mio padre, perchè gli ho portato questa, se la merita…”, conclude Busà mostrando la medaglia d’oro.

(Riz/Adnkronos)

I COMPLIMENTI DI ANTONIO TAJANI
Superato il record di medaglie di #Roma 1960! Straordinario Oro di Luigi #Busà nel #Karate. Medaglia numero 37 per l’Italia a #Tokyo2020 , questa Estate è magica per tutto lo sport Italiano Complienti Luigi 

Storica medaglia d’oro dell’Italia nel Karate alle Olimpiadi di Tokyo 2020 ed arriva dal carabiniere siciliano Luigi Busà, diretto magistralmente sulle tappetine dal mitico allenatore ternano Claudio Guazzaroni.

La gara, categoria 75kg. specialità kumite, è stata davvero esaltante anche perché culminata nella finalissima con lo scontro con il rivale di sempre Rafael Ağayev, dell’Azerbaijan, quell’incontro che tutti gli appassionati del karate sognavano.

L’incontro è stato davvero spettacolare dove entrambi gli atleti hanno lottato, senza sconti, fino all’ultimo secondo per assicurarsi l’ambito titolo ed è stato proprio il nostro Busà ad avere la meglio per 1 a 0.

Parla il tecnico ternano”Come succede solo nelle favole il sogno si è avverato. Sono anni che insieme a Luigi, insieme al Team Italia, abbiamo lavorato per raggiungere l’obiettivo di una medaglia alle Olimpiadi e addirittura siamo riusciti nell’intento di ottenere quella più preziosa. Tanti i sacrifici che oggi sono stati finalmente ripagati per un’intera vita dedicata a questo sport. Un abbraccio ed un grazie a Luigi, quasi un figlio per me, ma con lui a tutte quelle persone che in questi giorni, in questi anni mi sono stati vicini nei momenti dio gioia ma ancor di più in quelli meno belli.”

Da Terni Andrea Ortenzi, sparring a Tokyo del campione olimpico Luigi Busà: “E’ un’emozione immensa quella provata a partire dalla trasferta a Tokyo a fianco della nazionale Fijlkam, agli allenamenti mirati per preparare al meglio Luigi, al rientro in Italia giusto in tempo per gioire per la finale. Splendido tutto!”

Parla il Presidente regionale Fijlkam Umbria Andrea Arena “Che dire? Un sogno che si avvera per tutti gli amanti del karate e ancor di più per il movimento federale regionale che attraverso Claudio riesce a palesare quanto una piccola regione come la nostra può produrre eccellenze uniche.

Un aneddoto simpatico mi piacere raccontare, una settimana prima della partenza per Tokyo come comitato abbiamo voluto far sentire la nostra vicinanza regalando a Claudio ed Andrea una polo ed un piccolo cornetto rosso portafortuna con una bandierina tricolore, alla quale Claudio ha contraccambiato omaggiandomi con la medaglia che avrebbe fatta toccare agli atleti prima di salire sulle tappetine giapponesi. La medaglia raffigurava l’effige di Giuseppe Garibaldi con il testo “Qui si fa l’Italia o si muore!”. Questo per far capire lo spessore di Claudio, grande campione, grande tecnico, grande amico, grande uomo. Un grazie da tutti noi”

 
Chiama o scrivi in redazione


Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*