La 3M Perugia cade a Cagliari, ma resta in vetta

Alla 3M Perugia non è riuscita l’impresa di tornare con l’intero bottino da Cagliari. La squadra di Marangi ha comunque conquistato un buon punto nella difficile trasferta in casa della San Paolo, formazione sarda che sin qui, tra le mura amiche, non aveva mai concesso nulla agli avversari. Rossit e compagne si sono arrese al tie-break, dopo una partenza lampo, che le ha viste portarsi addirittura sul 2-0. Per l’occasione, il tecnico biancorosso Marangi ha schierato il “solito” sestetto, con Rossit e Cicogna ai lati, Ragnacci e Pero centrali, Tarducci opposto, Bertinelli al palleggio e Mastroforti libero. Nel primo set, 3M e San Paolo se la sono giocata punto a punto fino alla fine. L’hanno spuntata le perugine (24-26) in virtù di una maggiore precisione sotto rete. Nel secondo, la 3M ha preso il largo e chiuso la pratica senza appendici finali (17-25). Quando il successo avversario sembrava scritto, Cagliari ha tirato fuori gli artigli e messo in vetrina Dimistrova e Valentina Cali, che hanno fatto letteralmente la differenza. Tanto da trascinare Cagliari al pareggio, con Perugia costretta ad inseguire (25-16, 25-19). Al tie-break ha regnato l’equilibrio fino all’8-8, poi c’è stata l’ennesima fiammata delle padrone di casa (15-11). Una sconfitta che Perugia può sicuramente attenuare con la conquista di un punto, che vale ancora il primato (se pur in coabitazione con Siena, 47 punti) e che consente di tenere Cagliari dietro (46). La corsa alla vetta è ancora aperta, ma la 3M può guardare al prossimo futuro con rinnovato ottimismo. Il non essersi fatta superare da Cagliari e avere lo scontro diretto in casa contro Siena, sono due fattori che possono risultare determinanti. Sabato 10 marzo al “Capitini”, la squadra di Marangi se la vedrà contro l’ostica Donoratico, formazione livornese che all’andata ha inflitto il primo ko stagionale.

INTERVISTE

Guido Marangi, tecnico 3M Perugia: “Peccato, perché per come si era messa la partita avremmo potuto vincere. Un punto, tuttavia, ci consente di mantenere la vetta e ci dà anche un po’ di convinzione. Del resto siamo stati l’unica squadra a fare risultato in Sardegna, così come in casa del Siena. Cagliari ha delle giocatrici in grado di fare la differenza e alla fine l’hanno fatta. Ora ci attende la difficile sfida contro Donoratico, ma sappiamo che molto del nostro futuro dipenderà da noi. E questo non è poco”.

SAN PAOLO CAGLARI – 3M PERUGIA 3-2 (24-26, 25-17, 25-16, 25-19, 15-11)

CAGLIARI: Calì V. 26, Dimistrova 18, Zucca 15, Masala 15, Lestini 6, Bettas 5, Morongiu (L), Casu. N.E. Agri, Cali F. All.: Gramignano. Assistente: Buzzo.

PERUGIA: Ragnacci 19, Tarducci 14, Pero 13, Rossit 11, Cicogna 5, Bernardini 1, Bertinelli 1, Mastroforti (L). N.E. Mancinelli, Diano, Narducci, Shepers. All.: Marangi. Assistente: Vinti.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*