Il Perugia rientra in corsa piegando il Carpi per 2-0

 
Chiama o scrivi in redazione


Il Perugia rientra in corsa piegando il Carpi per 2-0

di Elio Clero Bertoldi
PERUGIA – Campionato riaperto. Il Perugia si sbarazza del Carpi (due gol, una traversa ed una superiorità tecnica notevole) e, grazie al Padova, caduto sul terreno di Matelica, recupera tre punti alla capolista e ritorna al successo dopo il periodo nero in cui erano arrivati due soli punti in tre giornate. Nella giornata, freddina ma con un buon sole, sale in cattedra Minesso, rimasto a lungo fuori per infortunio, autore di un prodigio balistico su calcio piazzato, e calciato di sinistra in maniera imprendibile.
Caserta presenta Monaco in difesa (al posto di Angella) e conferma il solito modulo ad “albero di Natale”.

© Protetto da Copyright DMCA

Pochesci, al Curi per la prima volta, sostituisce soltanto due giocatori rispetto al successo sul Modena: Bellini per Ghion e Ceijas al posto di Mastour indisponibile.
Buon ritmo del Perugia, con una aggressività continua con cui costringe gli emiliani nella propria metà campo. A tirare la carretta soprattutto Melchiorri al tiro due volte di sinistro, entrambi purtroppo strozzati e finiti sul fondo. Al 17′ nuovo raid di Melchiorri con conclusione dalla distanza: Rossi mette in angolo. Ancora Melchiorri di testa provoca un brivido alla squadra di Pochesci. Tuttavia i carpigiani (oggi in divisa scura) si svegliano e De Cenco costringe Fulignati ad una deviazione in angolo. Quindi é Lomolino su calcio di punizione a sbagliare di resta una opportunità. Nuovo infortunio, per la terza volta, di un giocatore biancorosso: vittima, stavolta, Crialese che lascia il posto a Favalli.

Ma ecco che arriva il vantaggio. Rossi perde il controllo della palla calciata su punizione da Moscati e Murano, sulla linea, scarica con rabbia il pallone in rete. La pressione biancorossa è costante. Murano con un pallonetto colpisce la traversa. Poi su conclusione di Melchiorri, Rossi si dimostra pronto e respinta con un volo plastico.

Gioco sporco e spezzettato nella ripresa. Errori di appoggio dei padroni di casa, provocato anche dalla difesa vigorosa degli ospiti. All’improvviso la perla di Minesso, che si guadagna una punizione sulla trequarti sinistra. La sua esecuzione di sinistro è al bacio ed imprendibile. Si riscatta il portierino del Carpi su tiro di Minesso: angolo. Poi sostanzialmente più nulla. Se non qualche circostanza su un fronte e sull’altro non sfruttata positivamente.

Perugia-Carpi 2-0
PERUGIA (4-3-2-1): Fulignati; Elia Sgarbi (30′ st Cancellotti) Monaco, Crialese (30′ pt Favalli); Vanbaleghem, Moscati, Kouan (30′ st Vano); Murano (18′ st Sounas) Minesso; Melchiorri 6.5. A disp.: Minelli, Bocci, Angella, Burrai, Di Noia, Lunghi, Bianchimano. All.: Caserta.
CARPI (3-4-1-2 ): Rossi; Gozzi Venturi, Sabotic (1′ st Varoli) Marcellusi (13′ st Bayeye) Fofana Bellini (25’st Ferretti) Lomolino, Ceijas (13′ st Ghion); Giovannin, De Cenco (13′ st De Sena). A disp.: Pozzi, Eleuteri, Ercolani, Martorelli, Offidani, Cavazza, Tripoli. All.: Pochesci.
ARBITRO: Galipo’.
Guardalinee: Galimberti e Lisi.
Quarto uomo: Caldera.
MARCATORI: 35′ pt Murano, 23′ st Minesso.
Ammoniti: Sabotic (C), Venturi (C), Kouan (P), Monaco (P), Vano (P)
NOTE: Terreno in buone condizioni. Ang.: 10-3 per il Perugia. Rec.: 2′ pt, 5′ st.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*