Il Perugia crolla a Cosenza (2-1) Ed ora il futuro si tinge di scuro

 
Chiama o scrivi in redazione


Il Perugia crolla a Cosenza (2-1) Ed ora il futuro si tinge di scuro

Il Perugia crolla a Cosenza (2-1) Ed ora il futuro si tinge di scuro

di Elio Clero Bertoldi
PERUGIA – Nulla va come dovrebbe andare per gli umbri. Un approccio molle, che notti aspetti e la squadra di Cosmi si trova subito ad inseguire gli avversari. Matura così la nona sconfitta esterna (su 14 complessive), che mette il Perugia in una condizione di classifica sempre più delicata a quattro gare dalla fine. Vince, in questa giornata, la disperazione del Crotone che compie un bel passo in avanti col successo. I grifoni, dal canto solo, mostrano i soliti limiti, le usuali fragilità, le note carenze. Serve, a questo punto, che la squadra, nel suo complesso si renda conto della situazione e trovi in se stessa la forza di non precipitare nel baratro. Il gol di Falcinelli, bello, non indora l’amara pillola. Nella circostanza non funziona neppure la mossa di Buonaiuto che, di solito, entrando nella ripresa riesce a dare un colpo d’ala.

Nel Perugia le novità sono Gyombér al centro della difesa (con Rajkovic che scivola a sinistra) e Kouan a centrocampo. Per il resto confermati gli attori di Pescara, con l’accoppiata d’attacco Iemmello-Melchiorri.

Occhiuzzi perduto, per infortunio al polpaccio, il portiere Perina, si affida a Saracco e recupera Sciaudone (squalifica scontata) a centrocampo. Cambia ben cinque giocatori rispetto al crollo di LaSpezia (5-1), ma anche modulo passando al 3-4-1-2.

Al 12’ un “deja vu”. Sembra che il Perugia tenga il pallino del gioco e controlli con tranquillità ed invece… Al primo angolo, Baez mette in mezzo, Anibal sfiora di testa sulla sinistra dove irrompe Bruccini che al volo di sinistro insacca (ottavo gol stagionale per lui, secondo consecutivo). Poco dopo Sciaudone, su una respinta di Rosi, al volo da fuori area, sfiora il palo alla destra di Vicario. Soffre troppo la difesa del Perugia al 21’ su un attacco insistito dei padroni di casa (in particolare con Baez e Riviére), con pallone che attraversa per tre volte, pericolosamente, l’area di porta. Il Cosenza sembra non risentire del pesante tracollo in Liguria e gioca con la determinazione e la concentrazione necessarie.

Il primo tiro del Perugia é di Iemmello al 32’: l’imbeccata di Nicolussi, deviata da un difensore, é invitante, ma la girata di “Re Pietro” risulta fiacca e centrale. Quattro minuti più tardi, nuovo affondo biancorosso: ancora Nicolussi serve un assist a Iemmello che di slancio suoera il portiere ma s’allunga troppo la palla che rotola sul fondo, imprendibile.

Due cambi alla ripresa per Cosmi: in attacco entra Buonaiuto per Melchiorri,in difesa Falasco apposto di Rajkovic. Al 6’ occasione per i grifoni: in area Iemmello e Idda. Quest’ultimo afferra per la maglia Iemmello e lo trascina al suolo. per l’arbitro tutto regolare. Pressano ancora i grifoni e suona respinta di Bittante (al 12’) Kouan sgancia un bel tiro rasoterra che sfida l’esterno del palo. Subiscono troppo i calabrese e Occhiuzzi toglie un attaccante (Riviere) per un centrocampista (Kone) passando al 3-5-2. La replica di Cosmi é esattamente al contrario: fuori un centrocampista (Kouan) per un attaccante (Falcinelli). Una palla persa a centrocampo da Carraro permette un contropiede di Baez che prepotentemente riesce a tenere il pallone, su Gyombér e Falasco, e con un elegante esterno sinistro, raddoppia.

Accorcia le distanza il Grifo, profittando di un calcio d’angolo: Falcinelli stacca di testa e incorna a rete. Subisce troppe ripartenze la squadra di Cosmi che tenta la rimonta, ma la foto della giornata é tutta nella splendida e perentoria semi girata di Capone che s’infrange sul corpo di un difensore, appostato sulla linea a portiere battuto.

La prima decisione della società è quella di portare, da domani, il Perugia in ritiro a Roccaporena di Cascia.

Cosenza-Perugia 2-1
COSENZA (3-4-1-2): Saracco 6; Corsi 6 (38’ st Casasola 6) Anibal 6 Legittimo 6; Asencio 6 Sciaudone 6.5 Bruccini 7 Idda 6 Bittante 6; Baez 7.5 (41’ st Carretta sv). ; Asencio 6 Rivière 6 (20’st Kone 6). A disp.: Quintiero, Lazaar, Broh, D’Orazio, Bahlouli, Schiavi, Machach, Monaco, Prezioso. All.: Occhiuzzi 7.
PERUGIA (3-5-2): Vicario 6; Rosi 6.5 Gyombér 6 (30’ st Angella 6) Rajkovic 5.5 (1′ st Falasco 6); Mazzocchi 6.5 Kouan 6 (21’ st Falcinelli 6.5) Carraro 6 Nicolussi C. 6 Di Chiara 6; Iemmello 6 (37’ st Capone 6) Melchiorri 6 (1’ st Buonaiuto 6). A disp.: Fulignati, Albertoni, Nzita, Benzar, Angella, Righetti, Konate, Dragomir. All.: Cosmi 6.
ARBITRO: Ghersini 5.5.
Guardalinee: Lanotte-Cipressa.
Quarto Uomo: Pezzuto.
MARCATORE: Bruccini al 12’ pt, Baez al 29’ st., Falcinelli al 34’ st
AMMONITI: Sciaudone (C), Rosi (P), Corsi (C).
NOTE: Temperatura al San Vito-Marulla di 29 gradi all’avvio. Ang.: 5-4 per il Perugia. Rec.: 4’ pt, 6’ st.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*