Diamanti: ‘Si poteva fare di più’. Ma Breda è soddisfatto: ‘Un bel segnale’

C’è un po’ di amaro nella bocca dei grifoni dopo il bel pari di Cesena

Perugia Calcio, Breda: ‘Grifo senza mezze misure, un disastro’

Diamanti: ‘Si poteva fare di più’. Ma Breda è soddisfatto: ‘Un bel segnale’

PERUGIA – C’è un po’ di amaro nella bocca dei grifoni dopo il bel pari di Cesena. Ma quell’amaro per una vittoria che è sembrata alla portata ma non è arrivata, è stemperata dalla soddisfazione di Roberto Breda. ‘Abbiamo giocato un bel primo tempo con occasioni interessanti – ha detto il tecnico trevigiano -, il Cesena è squadra sorniona, andare sotto e riuscire a recuperare su un campo del genere è un buon segnale, va bene. Inoltre chi è entrato ha fatto le cose giuste su un campo difficile e particolarmente veloce. Sono contento. Diamanti non voleva uscire? E’ anche giusto che sia così, ci teneva, ha fatto una buona gara e buone cose andando in crescendo, non era facile.

Giusto che lui si arrabbi, poi le scelte devo farle io. Che succederà quando tornerà Cerri? L’idea di usarli tutti e tre c’è e ci stiamo lavorando, ora però arriva un periodo in cui giocheremo ogni 4-5 giorni. Valutiamo. Venerdì Cerri non si sa a che ora tornerà, di partite ancora ce ne sono tante, dobbiamo essere intelligenti e lavorare di gruppo, con l’idea che avere uomini così forti là davanti può aiutarci molto. Buonaiuto? Lui deve essere bravo a non pensare ai minuti che gli toccano e pensare solo ad essere decisivo, come oggi.

Abbiamo usato poco i quinti, c’è stato un buon sviluppo della manovra ma cercando troppo spesso le percussioni centrali. Ed è vero che nel secondo tempo ci siamo abbassati e ci sta, questo modo di giocare è molto dispendioso e per questo è fondamentale che chi entra ci faccia guadagnare metri alzando i ritmi e facendo male agli avversari.

Il percorso che abbiamo fatto in una stagione travagliata ha responsabilizzato tutti facendo rendere conto che c’è davvero bisogno di tutti. Il gruppo è buono ma dobbiamo ricordarci di ripresentarci ad ogni partita con queste caratteristiche. Questo gruppo ora ha un vestito su misura e grandi margini di miglioramento, ma non mi fate parlare di obiettivi se non quello di migliorarci e pensare alla Cremonese. Ricarichiamo le pile che venerdì è importante…’.ù

I GRIFONI

Al solito Breda, positivo e pacato, fanno seguito gli interventi più vivaci dei grifoni. Il primo è proprio Alino Diamanti: ‘Si poteva fare qualcosa di più. Il Cesena è avversario difficile che gioca molto sulle palle lunghe, noi dopo che ci siamo compattati nel secondo tempo si poteva vincere – spiega l’0ex azzurro nella sua inconfondibile cadenza livornese -. Il cambio? L’allenatore fa le scelte ed è giusto, io sto molto bene e sono contento. Fa piacere avere ricreato entusiasmo tra i tifosi, lotteremo fino alla fine per un obiettivo importante.

Quale? Quello di vincere tutte le partite, la B è molto difficile… Se mi sento ancora un ragazzino? Ho passato mesi difficili ma ho lavorato da vero professionista, oggi ero anche un po’ emozionato per la mia prima in B dal 1’ dopo dodici anni…’. Ed ecco il goleador di giornata, Cristian Buonaiuto, che da subentrante ha trovato il pareggio e il sesto gol in campionato: ‘Quando si entra dalla panchina si cerca di dare il massimo, sono stato fortunato nel trovare il gol subito e invece non lo sono stato nel finale, con quel salvataggio di Scognamiglio. Io sono diventato uno specialista nei tiri da fuori? Se c’è lo spazio io ci provo…’. E’ anche vero che è dura stare fuori.

‘Siamo tanti e se stare fuori tocca a me non c’è problema, quando entro cerco di dare il massimo e fare il meglio per la squadra. Sto bene, ho trovato la continuità nell’andata e anche se gioco meno anche nel ritorno mi sento protagonista. Oggi era difficile riprendere la partita dopo lo svantaggio, il rimpianto è per quel finale e Scognamiglio che me l’ha levata dalla linea’.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*