Il punto di Drusian: ”Perché Perugia è Perugia (e non Ascoli)!”

La trasferta di sabato pomeriggio vede Castori tornare nella sua regione

Il punto di Drusian: ”Perché Perugia è Perugia (e non Ascoli)!”
ph GB

Il punto di Drusian: ”Perché Perugia è Perugia (e non Ascoli)!”

di Gianluca Drusian

Nella serata in cui Morandi e Sangiovanni cantavano al Festival di Sanremo “fatti mandare dalla mamma a prendere il latte”, ascoltavo la televisione locale e mi veniva in mente questo: tra qualche tempo, a quanto dicono anche poco tempo, i nostri figli diranno che “a prendere il latte” andremo al nuovo spettacolare, futuristico, tentacolare stadio Renato Curi anzi all’Arena Curi e che…..soddisfazione! Il progetto è stato presentato e protocollato agli atti della pubblica amministrazione. Sembrano tutti entusiasti ed in fibrillazione. Lo sarà anche il Comune? Il presunto  pubblico interesse che starebbe a monte della sua fattibilità e condizione per la sua certificazione amministrativa, per così dire, troverà delle pezze di appoggio (termine atecnico ma utile per spiegare) ?

Io ve lo dico subito e non ci tornerò mai più anche a costo di farmi dei nemici nei “nuovi costruttori” ed in tanti altri: io del nuovo Curi non ne vedo la necessità a la utilità anzi del nuovo stadio sì ma non del tutto il suo contorno. Pian di Massiamo è nato per essere il polmone verde della città e non deve esserne mutata la sua destinazione “sportiva”…..punto, due punti, virgola e punto esclamativo!

A dispetto del non voler apparire per quello del partito del NO a priori avrei preferito lavorare sull’esistente, renderlo più sicuro e progettare il modo per chiuderne gli spicchi laterali e prevedere la copertura facendo leva anche sui cosiddetti crediti sportivi. Strada impercorribile? O forse mai percorsa? Basta così. E dover andare a Gubbio per vedere il Grifo…..lasciamo perdere….Più importante è la partita.

Ascoli, la trasferta di questo sabato pomeriggio 11 febbraio 2023 vede Castori tornare nella sua regione da centurione alla guida finalmente di una centuria di uomini in splendida forma fisica ed affamati di vittoria. Polibio, storico greco antico vissuto in Roma scriveva di Castori: ” i centurioni devono essere, non tanto uomini audaci e sprezzanti del pericolo, quanto invece in grado di comandare, tenaci e calmi, che inoltre, non muovano all’attacco quando la situazione è incerta, né si gettino nel pieno della battaglia, ma al contrario sappiano resistere anche se incalzati e vinti, e siano pronti a morire sul campo di battaglia.>>(Polibio, VI, 24.9.).

Non sembra scritto su di lui? Mancherà Santoro fresco di rinnovo di contratto (altri tre anni, brava società!) ma rientrerà, con molta probabilità, Dell’Orco in difesa. Non ci sarà neanche Curado” infortunado” (passatemi la rima!) ma è tornato in centuria Angella, il presunto ribelle “gallo”perdonato di ogni peccato. Il Perugia visto all’opera contro il Brescia al Curi sarà stato un sogno? Troppo bello per essere vero? Non voglio credererci anzi penso che, le ultime prestazioni dei Grifoni non sono altro che il frutto del lavoro, di quel lavoro che il Cenurione Castorius andava predicando.

E da queste non si possa più tornare indietro. Le impalpabili, svogliate, senza idee partite non giocate delle prime giornate di campionato, oggi, non possono essere più riproposte altrimenti, da buon padre di famiglia, Castorius farebbe bene ad usare il “bacillus viteus”, simbolo dell’autorità ma soprattutto strumento punitivo costituito da un bastone di legno di vite elastico e nodoso adoperato per infliggere più sofferenza.

L'”Asculi”? L'”Asculi” non credo stia attraversando il momento migliore. In settimana ha esonerato Bucchi per prendere Breda. Tutti ex allenatori del Perugia con il dente avvelenato? Forse non ci voleva o forse no. Staremo a vedere. Intanto in classifica entrambe sono appaiate a 26 punti. Fino a qualche settimana fa,nelle Marche,avevano in mente di volare altissimo ed anche in sede di mercato di riparazione hanno infoltito il reparto di attacco con un certo Forte proveniente dal Benevento. E c’è anche quel Gondo che doveva venire a Perugia….questione di scelte!!! La gara è sicuramente interessante.

Per la classifica e per capire quale campionato il Perugia dovrà continuare a fare. Non voglio dire altro perchè sembra assurdo quali prospettive si possano aprire così come era incredibile quando ci trovavamo in fondo alla graduatoria: “SIGNA INFERRE”(avanti le insegne)!!!!!

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*