Calcio: ok giunta comunale Terni su stadio Libero Liberati 

La dichiarazione di pubblico interesse studio di fattibilità

 
Chiama o scrivi in redazione


Approvata pubblica utilità per il nuovo stadio di Terni

Calcio: ok giunta comunale Terni su stadio Libero Liberati

La giunta del Comune di Terni ha valutato positivamente la dichiarazione di pubblico interesse dello studio di fattibilità presentato dalla Ternana Calcio, lo scorso 23 febbraio, per la riqualificazione, valorizzazione e gestione, in condizioni di equilibrio economico-finanziario, dello stadio Libero Liberati. Nella seduta di stamattina – spiega una nota di palazzo Spada – l” amministrazione ha in particolare esaminato gli atti predisposti dai tecnici comunali, insieme alle relazioni favorevoli pervenute dagli altri enti e ha trasmesso la delibera al consiglio comunale per l” approvazione definitiva.

“Abbiamo completato una procedura complessa in anticipo sui tempi richiesti dalla normativa – commentano il sindaco Leonardo Latini e l” assessore ai Lavori pubblici Benedetta Salvati – proprio perché siamo consapevoli dell” importanza di fornire risposte chiare e trasparenti su un progetto che così tanto appassiona la città per i suoi aspetti legati, appunto, al pubblico interesse che abbiamo potuto verificare, insieme ai nostri tecnici e a tutti gli enti coinvolti”.



Sulla base della dichiarazione di pubblico interesse, subito dopo la delibera del consiglio comunale la Ternana potrà presentare al Comune il progetto definitivo, per i successivi adempimenti. Fra i 13 pareri favorevoli raccolti tra le amministrazioni coinvolte dalla Conferenza dei servizi preliminare anche quelli di Soprintendenza archeologica Belle arti e Paesaggio dell” Umbria, Regione, comando provinciale dei vigili del fuoco, prefettura, Arpa e Coni regionale.

Il progetto della Ternana, avvalendosi della legge sugli stadi, prevede, oltre al nuovo impianto sportivo, anche la realizzazione nelle vicinanze di una clinica privata da circa 200 posti che mira al convenzionamento con il Servizio sanitario regionale.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*