A Terni petizione per il progetto sul nuovo stadio e clinica

 
Chiama o scrivi in redazione


A Terni petizione per il progetto sul nuovo stadio e clinica
A Terni petizione per il progetto sul nuovo stadio e clinica

A Terni petizione per il progetto sul nuovo stadio e clinica

A Terni sono oltre 15mila le persone che hanno firmato la petizione per il progetto sul nuovo stadio e clinica della Ternana Calcio del presidente Stefano Bandecchi. Lo riporta oggi la Nazione Umbria in un articolo.

La raccolta firme è proposta dal Centro coordinamento Ternana Club, che si sposta ogni giorno alla ricerca di firme per ogni angolo di Terni. Oggi, a Largo Villaglori, dove sarà presente dal lunedì al venerdì la mattina dalle 9 alle 12 e il pomeriggio dalle 16 alle 18:30.

Luciano Nevi, presidente del coordinamento dei club rossoverdi, in un post dice: «Siamo ben oltre le 15mila firme, cosa mai successa a Terni. Il risultato più alto e di circa 6/7 mila firme raccolte per l’ospedale.

LEGGI ANCHE – Umbria, riapertura delle palestre e risorse regionali per rilanciare lo sport

Ringraziamo i nostri carissimi Rolando e Augusto che da tre mesi si stanno sacrificando per raggiungere il maggior numero di firme possibili ed immaginabili. Lo stanno facendo solo ed esclusivamente per il bene della città».

La cosa sbalorditiva – continua Nevi – è che in una città di 110mila abitanti non si trovino altre persone come Rolando ed Augusto che senza percepire un solo euro diano una mano nei banchetti di raccolta. Mi sembra davvero impensabile che tutti siano stra occupati e che non freghi nulla nessuno. Capisco chi lavora, capisco i problemi quotidiani, non capisco il menefreghismo. Se, e dico se, si raggiunge l’obiettivo a queste persone va dedicata una piazza, una via ed una statua per la ripartenza di una città intera.

La stessa petizione – scrive la Nazione -, chiede non solo lo stadio e la clinica, ma anche il potenziamento della sanità territoriale, che necessita di un miglioramento essendo fin troppo spesso dimenticata.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*