San Valentino 3D donata a ospedale Terni da studenti Tecnico Agrario Todi

 
Chiama o scrivi in redazione


San Valentino 3D donata a ospedale Terni da studenti Tecnico Agrario Todi

San Valentino 3D donata a ospedale Terni da studenti Tecnico Agrario Todi

TERNI – Inaugurata questa mattina, giorno di San Valentino, la nuova aiuola che si trova lungo il viale di ingresso dell’Azienda Ospedaliera Santa Maria di Terni, nell’area dei Poliambulatori. Una nuova area verde che rappresenta la primula, fiore simbolo per l’Umbria nella lotta contro il Covid. L’evento è stato organizzato dall’Azienda Ospedaliera in collaborazione con l’Istituto Tecnico Agrario Augusto  – Ciuffelli di Todi, la scuola di agricoltura più antica d’Italia, fondata nel 1864.

© Protetto da Copyright DMCA

L’idea – La nuova aiuola è stata disegnata tramite un particolare software 3D da quattordici studenti dell’Istituto agrario, provenienti da diverse zone dell’Umbria, delle classi del triennio. Alessio, Cristhopher, Michele, Davide, Emanuela, Sofia, Melissa, Veronica, Veronika, Elena, Luca, Anna Maria, Gloria e Tanya; tutti insieme hanno partecipato al progetto Stem 2020 Erbolart 3D, che prevede proprio lo studio di progettazioni di questo tipo. Progettazione poi messa a disposizione dell’Azienda Ospedaliera a titolo gratuito. Il tutto con la partecipazione del tecnico Antonio Faccioli, dei collaboratori del Dirigente Scolastico Giampiero Scassini (insegnante tecnico pratico di Produzioni vegetali) e Stefania Muti (insegnante di matematica), del responsabile Azienda agraria Gilberto Santucci e del Dirigente Scolastico Marcello Rinaldi.

L’obiettivo – “L’obiettivo di questa iniziativa – spiegano la direzione del Santa Maria e i rappresentanti dell’istituto – è quello di valorizzare al massimo il pensiero dei giovani studenti nei confronti dei nostri operatori sanitari e dei cittadini che potranno ammirare l’opera. Il gruppo di ragazzi inoltre è formato da giovani che arrivano da tutta l’Umbria, elemento questo che sta a rappresentare l’importanza di fare rete, soprattutto di fronte alle avversità comuni”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*