Ex Partigiani ed ex Repubblichini, per annullare le distanze, oggi al Cimitero di Perugia 🔴

 
Chiama o scrivi in redazione


Ex Partigiani ed ex Repubblichini, per annullare le distanze, oggi al Cimitero di Perugia 🔴

di Walter Biscotti
Oggi alle 11.30 presso il cimitero monumentale di Perugia l’ISUC ha organizzato una cerimonia commemorativa di un lontano episodio accaduto il 1 gennaio 1947. Quel giorno Corrado Sassi (ex partigiano) e Bruno Cagnoli (ex appartenente alla RSI) decisero insieme ai loro amici di andare insieme a deporre una corona floreale al Cimitero di Perugia davanti al monumento dei caduti della 1 guerra mondiale.

Fu un gesto straordinario di riconciliazione che fece molto clamore e ne parlo tutta la stampa nazionale di allora. In termini assolutamente positivi. Noi abbiamo gettato un seme ,dissero, affinché i giovani del futuro abbandonino l’odio e insieme facciamo rinascere l’Italia.

Allora il paese era pieno di speranze ,di unità di intenti nella voglia di ricostruire il tessuto morale e sociale della comunità nazionale. Oggi i figli quasi 70 enni di Sassi e Cagnoli  Daniele e Alberto ripeteranno nello stesso posto il gesto dei loro padri di 74 anni fa

  • .Quasi a voler dare filo di continuità alle stesse speranze di allora, alla stessa voglia di ricostruire il nostro paese.

Si in effetti il senso è proprio questo -sottolinea l avv. Valter Biscotti commissario dell’ISUC ideatore e promotore dell’iniziativa- la situazione attuale è molto simile al dopoguerra. Il nemico da sconfiggere è un virus maledetto che fa centinaia di morti ogni giorno e gli eroi di oggi sono medici infermieri cassiere dei supermercati e insegnanti e le camionette dell’esercito servono per portare via i nostri cari spesso anziani e morti in solitudine .

  • Per far fronte a tutto ciò serve coesione e unità nazionale .

Draghi nel suo discorso al Senato al momento della fiducia ha richiamato tutti con forti accenti al valore dell’unità nazionale e oggi – ricorda Biscotti- il Presidente Mattarella ha fatto lo stesso nel suo messaggio per il 25 aprile,fermi i valori della resistenza, appellandosi alla coesione all’unità e alla riconciliazione.

Quello che seppero intuire quei “grandi ragazzi” come Corrado e Bruno in quella fredda mattina del 1947 a Perugia. E sono fiero che oggi Daniele Sassi e Alberto Cagnoli hanno accolto il mio invito a ripetere come segno di speranza il lontano gesto dei loro padri.

E nei loro discorsi si è compreso ancora una volta l’alto esempio morale dei loro padri. Ora come allora.
Le loro parole sono state la migliore risposta a chi ha criticato l’iniziativa.

L’ISUC per l occasione ha ripubblicato il libro di Corrado Sassi che racconta “Quel capodanno perduto. A Perugia 1 gennaio 1947

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*