E’ morto Piero Terracina, il ricordo di Sarah Bistocchi e Tommaso Bori

 
Chiama o scrivi in redazione


E' morto Piero Terracina, il ricordo di Sarah Bistocchi e Tommaso Bori

E’ morto Piero Terracina, il ricordo di Sarah Bistocchi e Tommaso Bori

dai Profili FB di Sarah Bistocchi e Tommaso Bori (Foto di M. Giugliarelli)
Oggi è un giorno triste, un giorno di lutto, ci ha lasciato Piero Terracina, italiano rastrellato dai fascisti perché ebreo e deportato dai nazisti nei lager. Le ideologie che trasformano le persone in numeri, in bestie da marchiare con l’inchiostro sulla pelle, fu lui a dirmi il suo: A-5506.
Era uno degli ultimi sopravvissuti all’Olocausto.

Fu padre e figlio per Perugia, per questo scegliemmo di conferirgli la cittadinanza onoraria: ogni volta che poteva partecipava alla Giornata della Memoria, raccontava la sua storia che grondava orrore agli studenti della nostra regione perché le nuove generazioni non potessero negare ciò che è stato. Come, purtroppo, sempre più spesso accade. Spero che le sue parole siano un modo degno di ricordarlo.

Piero Terracina
Piero Terracina (Roma, 12 novembre 1928 – Roma, 8 dicembre 2019) è stato un dirigente d’azienda italiano, superstite dell’Olocausto. È uno dei sopravvissuti al campo di sterminio di Auschwitz, dove fu deportato in quanto ebreo.Nasce a Roma in una famiglia ebraica, ultimo dei quattro figli di Giovanni Terracina e Lidia Ascoli.[1] Nell’autunno del 1938, a causa dell’emanazione delle leggi razziali in Italia, Piero, come tutti gli alunni e i docenti ebrei, fu espulso dalla scuola pubblica. Terracina proseguì gli studi nelle scuole ebraiche fino a che, dopo essere sfuggito al rastrellamento del 16 ottobre 1943, venne arrestato a Roma, il 7 aprile 1944, su segnalazione di un delatore, con tutta la famiglia: i genitori, la sorella Anna, i fratelli Cesare e Leo, lo zio Amedeo, il nonno Leone David.[2] Detenuti per qualche giorno nel carcere di Roma di Regina Coeli, dopo una breve permanenza nel campo di Fossoli, il 17 maggio del ’44 furono avviati alla deportazione.[3] «Ci misero in 64 in un vagone. Fu un viaggio allucinante, tutti piangevano, i lamenti dei bambini si sentivano da fuori, ma nelle stazioni nessuno poteva intervenire, sarebbe bastato uno sguardo di pietà. Le SS sorvegliavano il convoglio. Viaggiavamo nei nostri escrementi: Fossoli, Monaco di Baviera, Birkenau-Auschwitz.» Degli 8 componenti della sua famiglia, Piero Terracina sarà l’unico a fare ritorno in Italia. Il dramma si consuma il giorno stesso dell’arrivo a Auschwitz-Birkenau.

«Ci misero in 64 in un vagone. Fu un viaggio allucinante, tutti piangevano, i lamenti dei bambini si sentivano da fuori, ma nelle stazioni nessuno poteva intervenire, sarebbe bastato uno sguardo di pietà. Viaggiavamo nei nostri escrementi: Fossoli, Monaco di Baviera, Birkenau-Auschwitz. Arrivammo dentro il campo di concentramento, dalle fessure vedevamo le SS con i bastoni e i cani. Scendemmo, ci picchiarono, ci divisero. Formammo due file, andai alla ricerca dei miei fratelli, di mia madre, noi non capivamo, lei sì: mi benedì alla maniera ebraica, mi abbracciò e disse “andate”. Non l’ho più rivista. Mio padre, intanto, andava verso la camera a gas con mio nonno. Si girava, mi guardava, salutava, alzava il braccio. Noi arrivammo alla “sauna”, ci spogliarono, ci tagliarono anche i capelli. E ci diedero un numero di matricola. “Dove sono i miei genitori?”, chiesi a un altro sventurato. E lui rispose: “Vedi quel fumo del camino? Sono già usciti da lì”»

Perché ciò che è stato non sia mai più.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*