Sicurezza per Israele, autodeterminazione per la Palestina, UnistraPg

Nella sua lectio magistralis all’Università per Stranieri di Perugia, l’esperto del conflitto israelo-palestinese

Sicurezza per Israele, autodeterminazione per la Palestina, UnistraPg

Sicurezza per Israele, autodeterminazione per la Palestina, UnistraPg

Sicurezza per Israele – Il Prof. Arturo Marzano, esperto del conflitto israelo-palestinese, ha tenuto una lectio magistralis all’Università per Stranieri di Perugia, durante la quale ha sottolineato l’importanza di coltivare una cultura della pace, anche nei contesti più difficili.

Marzano ha esortato gli studenti a non limitarsi al presente per comprendere i teatri di guerra o le ostilità sedimentate, e a evitare di schierarsi, poiché la logica della tifoseria offusca le criticità della parte che si sostiene insieme alle ragioni di quella che si considera avversa.

Dopo aver perfezionato gli studi di Storia contemporanea presso La Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, Marzano ha svolto un post-doc all’International Institute for Holocaust Research – Yad Vashem in Israele, ed è stato Visiting Researcher alla Hebrew University di Gerusalemme e all’American University di Beirut.

Durante la sua lectio, Marzano ha evidenziato la complessità del contesto mediorientale, sottolineando l’importanza di documentarsi e di conoscere la storia per contestualizzare i fatti e adottare un approccio che miri a riconoscere le ragioni di ognuno dei contendenti.

Secondo Marzano, è fondamentale comprendere due diritti fondamentali: quello di Israele alla sicurezza e quello della Palestina all’autodeterminazione. Ha poi compiuto un attento excursus dei rapporti tra i due popoli, evidenziando come nella storia tutto può cambiare se si coltiva una cultura della pace e del negoziato, e soprattutto se si assume la determinazione al raggiungimento di uno stato di pace comprendente i diritti di tutte le parti in campo.

Concludendo la sua lectio, Marzano ha ribadito un messaggio di speranza: “la pace è sempre possibile”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*