Vaccino Covid-19, Socialisti Narni chiedono a Regione priorità per disabili

 
Chiama o scrivi in redazione


Vaccino Covid-19, Socialisti Narni chiedono a Regione priorità per disabili

I Consiglieri comunali Novelli e Ricci e il vicesindaco Mercuri scrivono a Coletto

di Rossano Pastura
“Rivedere e rimodulare il Piano di Vaccinazione Regionale, inserendo fra le categorie con priorità da vaccinare le persone disabili ma anche chi si prende cura di loro”. E’ quanto chiedono i rappresentanti del Partito Socialista Italiano di Narni in una lettera aperta inviata all’assessore alla Sanità della Regione Umbria, Luca Coletto.

Il Vicesindaco Marco Mercuri e i consiglieri Federico Novelli e Claudio Ricci, che rappresentano il PSI nell’amministrazione comunale di Narni, hanno preso carta e penna e inviato un appello all’assessore Coletto, responsabile regionale della campagna vaccinale, sottolineando il proprio disappunto per i ritardi della campagna vaccinale che vede l’Umbria nelle ultime posizioni nazionali per dosi somministrate rispetto a quelle consegnate.
© Protetto da Copyright DMCA

Il vero motivo della missiva è il mancato inserimento fra le categorie con priorità nella vaccinazione delle persone con disabilità. I socialisti hanno, infatti, sottolineato come, il Ministero della Salute, in collaborazione con la struttura del Commissario Straordinario per l’emergenza COVID, l’AIFA, l’ISS e l’AGENAS, ha elaborato un documento nel quale sono state inserite nuove categorie nell’ordine di priorità dal titolo “Le priorità per l’attuazione della seconda fase del Piano nazionale vaccini Covid-19“.

Nel documento ministeriale, vengono incluse le persone con disabilità in condizione di particolare fragilità, poiché affette da specifiche patologie valutate come particolarmente critiche e correlate al tasso di letalità associata a COVID-19, considerandole fra i gruppi prioritari a cui somministrare il vaccino.

L’appello è rivolto al governo regionale umbro affinché il piano sia rimodulato inserendo fra le categorie con priorità da vaccinare le persone disabili, ma anche chi si prende cura di loro.


LA LETTERA

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*