Neurochirurgia candidato sindaco Massimo Monni critica accorpamento

Temendo il depotenziamento dell'Ospedale di Perugia

Massimo Monni inizia da Pontepattolissima il suo "viaggio"

Neurochirurgia candidato sindaco Massimo Monni critica accorpamento

Neurochirurgia candidato sindaco – Massimo Monni, candidato sindaco per Perugia Merita, solleva l’allarme riguardo all’accorpamento delle strutture complesse di Neurochirurgia degli Ospedali di Perugia e Terni, sostenendo che ciò possa comportare il depotenziamento dell’Ospedale di Perugia, trasformandolo in una sorta di pronto soccorso.

Monni critica l’azione della Giunta Tesei, accusando l’amministrazione comunale di non aver adottato azioni decise contro questa scelta. Secondo lui, la fusione delle due strutture complesse, regolata da una convenzione firmata il 30 gennaio, ridurrà l’eccellenza della Neurochirurgia a Terni, con un solo primario che coordina entrambe le sedi.

Il candidato sindaco sottolinea il rischio di trasformare l’Ospedale di Perugia in un pronto soccorso, limitando le attività specialistiche e trasferendo i pazienti a Terni per gli interventi più complessi. Monni evidenzia la perdita di posti letto e la presenza di un primario a capo a Terni, sollevando dubbi sulla capacità di Perugia di mantenere gli standard di qualità e quantità delle prestazioni.

Monni contesta la decisione del sindaco Romizi, accusandolo di non comprendere la portata della situazione o di cedere alle pressioni regionali. Al centro del dibattito c’è la preoccupazione per la possibile perdita di un pilastro della sanità cittadina e della sua trasformazione in un servizio meno specializzato. La sfida è ora spiegare ai cittadini e ai pazienti le implicazioni di questa riorganizzazione sanitaria.

1 Commento

  1. Le elezioni regionali sono prossime e quindi non è da escludere che ci possa essere, sotto traccia, una sorta di “do ut des”. Tutto è possibile.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*