A Perugia si torna a camminare con il Piedibus del Ben Essere

 
Chiama o scrivi in redazione


A Perugia si torna a camminare con il Piedibus del Ben Essere

La salute torna a camminare lungo le vie della città di Perugia. Dopo la lunga pausa causata dal lockdown, giovedì 18 giugno si terrà una nuova edizione del Piedibus del Ben Essere, speciale orti e giardini di comunità. Si riparte rispettando le norme anti-Covid, l’appuntamento è alle ore 15 in via Enrico dal Pozzo, dove si trova il Centro linguistico di Ateneo.

Il percorso si snoderà tra gli orti e i giardini, ubicati nel Parco Santa Margherita, nei pressi del Dipartimento di Prevenzione e nel quartiere di Monteluce, che rivestono particolare significato nell’ambito dell’attività di promozione della salute, connotandosi come luoghi speciali di integrazione e inclusione sociale. Nell’occasione, verranno installati i cartelli che l’artista perugino Francesco Quintaliani ha realizzato e donato al Piedibus, per valorizzare gli ‘Angoli delle Farfalle’ creati durante i laboratori di ‘Giardinaggio di Comunità’, dai giardinieri volontari del lungo ‘serpentone colorato’, prima presso la Palazzina Neri e poi al Greppo di Monteluce.

“Pur con qualche timore, ripartiamo dopo la lunga pausa imposta dal coronavirus – commenta Erminia Battista, dirigente medico del Dipartimento di Prevenzione USL Umbria 1 e Referente per la Rete Promozione Salute – nell’intento di contribuire a contrastare gli effetti negativi sulla salute psicofisica, generati dalla pandemia, con i benefici del camminare in compagnia. La distanza fisica non impedirà di apprezzare la bellezza della città, il calore delle persone e le risorse del territorio. L’edizione, come consuetudine nel Piedibus, vuole essere occasione di formazione non formale (con approccio andragogico – esperienziale sul campo), finalizzata a sviluppare empowerment individuale e di comunità”.

L’iniziativa, aperta a tutti, coinvolgerà alcuni esperti che affronteranno nel corso del pomeriggio varie tematiche: la ripartenza e le nuove regole, l’orto-coltura, come contrasto agli effetti negativi della pandemia, e l’efficacia del verde urbano sulla salute fisica, psichica e sociale.  Ai partecipanti si raccomanda la mascherina, il gilet ad alta visibilità e di indossare scarpe da trekking e abbigliamento comodo.

Foto di Sirpa P da Pixabay

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*