Trasporti. Il minimetro della Sinistra costa a ogni perugino 0,12 euro al giorno per 30 anni

Trasporti. Il minimetro della Sinistra

Trasporti. Il minimetro della Sinistra costa a ogni perugino 0,12 euro al giorno per 30 anni

‘È un po’ come se ogni cittadino lavorasse un mese della propria vita per pagare il brucomela inaugurato nel 2008 che si è rivelato un flop clamoroso’

«Il minimetro inaugurato nel 2008 a Perugia dalle amministrazioni di centro sinistra costa ai perugini 21 mila euro al giorno e il Comune finirà di pagarlo solamente nel 2037. È una struttura molto costosa che pesa sul bilancio dell’amministrazione per circa 7,5 milioni di euro l’anno, una cifra difficile da sostenere, risorse che in questi anni purtroppo non abbiamo potuto impegnare per altri servizi, come ad esempio la manutenzione delle strade, per la quale se avessimo avuto maggiore liquidità gli investimenti sarebbero stati certamente superiori». Lo afferma la candidata sindaco per il centro destra e i civici Margherita Scoccia.

«La metropolitana leggera tanto voluta dalle precedenti amministrazioni è da considerarsi un fallimento clamoroso e a distanza di anni stiamo ancora pagando le scelte sbagliate del passato – spiega Scoccia -. Il minimetro è costato ben 103 milioni di euro. Quante cose si sarebbero potute realizzare con 103 milioni di euro? Nel mio programma elettorale ho inserito un piano strade mai visto prima da 100 milioni di euro che però durerà dieci anni». Margherita Scoccia sostiene che «in questi primi 16 anni di vita l’utilizzo del minimetro da parte dei perugini si è rivelato deludente e ben al di sotto delle aspettative. L’infrastruttura è da considerarsi un insuccesso sotto ogni punto di vista».

E aggiunge: «Alle 21.05 il minimetro deve fermarsi per le attività di manutenzione e perché è troppo rumoroso. Il biglietto costa 1,50 euro, le carrozze però spesso sono vuote – dice Scoccia – secondo alcuni conteggi per andare pari con i costi di costruzione che ancora stiamo pagando e le spese di manutenzione il titolo di viaggio dovrebbe essere alzato a 2,70 euro».

Prosegue la candidata sindaco: «Conti alla mano il minimetro costa ai perugini 0,12 euro al giorno per trent’anni, 12 centesimi al giorno fino al 2037 anche per tutti coloro che ci sono montati una sola volta, magari per curiosità. Altro che una tassa. Il totale fa 1.314 euro, quasi uno stipendio medio. Nel 2037 sarà un po’ come se ogni perugino avesse lavorato quasi un mese della propria vita per pagare il minimetro».
Conclude Scoccia: «In questi anni i cittadini ci hanno chiesto le ragioni per cui non demoliamo l’opera. Ci abbiamo pensato. Però non si poteva fare perché il debito sarebbe rimasto tale e quale e a quel debito si sarebbero aggiunte le spese di demolizione e di smaltimento. E per questa ragione ci siamo fermati.

Per porre rimedio a questa situazione abbiamo pensato a una scelta di coscienza per rilanciare il minimetro senza gravare sulle tasse, quindi sulle tasche dei cittadini: il nuovo progetto di trasporto urbano Metrobus che stiamo realizzando collegherà la stazione di Fontivegge con Castel del Piano passando per l’ospedale Santa Maria della Misericordia. È finanziato con i fondi del Pnrr e ai perugini non costerà neppure un centesimo. Diversamente rispetto al minimetro che finiremo di pagare nel 2037: 0,12 euro per 10.950 giorni. Quasi un mese di lavoro per pagare il ‘brucomela’ della Sinistra».

3 Commenti

  1. Il mini metro è un mezzo di trasporto molto carino e innovativo che se fosse adeguatamente gestito e pubblicizzato anche da questa amministrazione, invece che soltanto criticato, sarebbe utilizzato da molte più persone e sarebbe un vanto per Perugia.

  2. In 10 anni la giunta Romizi non ha avuto il minimo approccio in quanto a mobilità, criticando aspramente il vecchio pum del 2006 ma lasciando intatte tutte le linee bus senza apportare correttivi, tantomeno impegnandosi a rendere più attrattivo il minimetro. Anzi no,una cosa l’ha fatta: l’invenzione della famigerata linea U, di zero successo tanto più che non ebbe vita lunga. Ai posteri la non tanto ardua sentenza.

  3. Il minimetro costerebbe ad ogni perugino 0,12 euro al giorno per 30 anni. Ebbene quanto costano al Cittadino i danni che subisce la sua vettura nel percorrere strade a dir poco in cattivo stato? Alla Candidata Scoccia, la quale afferma che le carrozze del minimetrò spesso sono vuote, vorrei chiederle “e gli autobus urbani come sono”?
    L’idea del minimetrò, a mio avviso, non era poi così sbagliata, mentre la realizzazione dal punto di vista sia estetico che urbanistico è molto molto discutibile, per non dire scadente. Ad esempio, il metrò di superficie costruito a Bologna per collegare la stazione centrale ferroviaria con l’areoporto Marconi è tutt’altra cosa.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*