Stefano Pastorelli a Paparelli, su questione sanità, sei tu che ti devi dimettere

L'ex presidente FF dell'Umbria aveva chiesto le dimissioni dell'assessore Luca Coletto

 
Chiama o scrivi in redazione


Stefano Pastorelli a Paparelli, su questione sanità, sei tu che ti devi dimettere

Stefano Pastorelli a Paparelli, su questione sanità, sei tu che ti devi dimettere

“L’unico che dovrebbe dimettersi è proprio Paparelli”. Così il capogruppo Lega Umbria, Stefano Pastorelli, risponde al consigliere regionale del PD che aveva chiesto le dimissioni dell’assessore Coletto. “La presa di posizione dell’esponente del PD sui conti della sanità umbra è vergognosa e patetica – prosegue Pastorelli – Le sue parole denotano tutto l’imbarazzo di chi cerca inutilmente di nascondere le responsabilità del proprio partito accusando gli altri.

La conferenza stampa della presidente Donatella Tesei e dell’assessore Luca Coletto ha finalmente fatto luce sulla malagestio della sanità umbra da parte della sinistra negli ultimi anni. Bilanci in passivo, nessuno ospedale o azienda in utile, spesa farmacologica tra le più alte in Italia, saldo di mobilità negativo, milioni di euro di passivo accumulato negli anni.

A tutto questo si somma lo scandalo Concorsopoli che ha colpito i vertici del PD e tutte le criticità emerse nel corso della pandemia come il numero di terapie intensive inferiore a quelle previste, strutture inadeguate e personale insufficiente.

Nonostante questo la risposta dell‘Umbria al virus è stata tra le più efficaci grazie alla riorganizzazione impressa dall’assessore Coletto e allo spirito di sacrificio di medici, infermieri e tutte quelle persone che hanno combattuto in prima linea. Il consigliere Paparelli chieda scusa per le frasi imbarazzanti del comunicato stampa e per l’incapacità dimostrata dal PD negli ultimi anni nel gestire la sanità. Anzi, faccia l’unica cosa sensata che gli è rimasta, si dimetta dal suo ruolo di consigliere regionale”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*