Elezioni Regionali, Penelope, Giovanni senzaterra e Guglielmo Tell

Regionali, Penelope, Giovanni senzaterra e Guglielmo tell

Elezioni Regionali, Penelope, Giovanni senzaterra e Guglielmo Tell

di Oderisi
Fra i tre contendenti, il primo di tutti a partire con la candidatura per le regionali è stato senz’altro Claudio Ricci, nel senso che ha trascorso il mandato regionale in perenne campagna elettorale. Ricci, negli ultimi quattro anni, è rimasto fisso sul frame di quella notte del 2015 che lo dava, per qualche glorioso momento, vincitore sulla Marini.

Al suo confronto, Donatella Tesei è partita secoli dopo e Vincenzo Bianconi, facendo le dovute proporzioni, dovrebbe ancora presentarsi ai nastri di partenza.

La verità è che la chiusura traumatica della legislatura umbra ha imposto scelte di candidati che il regolare decorso non avrebbe preso in considerazione.

Non è certo, però, il caso di Ricci che, dopo il protagonismo come sindaco di Assisi e il colpo mancato di governatore dell’Umbria per un pugno di dollari, si è ritrovato ad essere un Giovanni Senzaterra. Come tale, agisce molto trasversalmente, strizza l’occhio a destra e a manca, forse non gli dispiacciono le piroette di Renzi, combatte, in definitiva, per un suo scranno e agisce guastando le linee nemiche, soprattutto a destra, suo terreno di partenza.

La nobile figura della Tesei, su questo fronte, è una Penelope obbligata a tessere ogni volta un pezzo di tela che manca per fare l’opera compiuta della conquista di Palazzo Donini. Non è lei a disfare il suo lavoro, sono i microsismi che scatena il fronte della destra a farlo. Le sue chances di vittoria, sembra di vedere, sono legate moltissimo al miracolo di unità che Salvini-Meloni-Berlusconi dimostreranno di poter fare in tempo utile per il 27 ottobre.

Un analogo esercizio di equilibrismo elettorale deve compiere, sul fronte di sinistra, Vincenzo  Bianconi, che è risultato gradito a molti anche se arrivato sulla scena per ultimo e in zona Cesarini, ed è, di suo, affabile persona. Come Guglielmo Tell, egli sembra avere l’obiettivo a portata di mano, il suo veloce recupero glielo fa vedere abbastanza nitidamente, ma è, davvero, come centrare la mela senza colpire quel bambino intemperante dell’asse Pd-5Stelle che la porta in capo.

Penelope, dunque, Giovanni Senzaterra e Guglielmo Tell. Non li avrei scomodati certamente se le regionali umbre fossero state scontate come sempre e, se, soprattutto, non fossero, oggi, di risultato aperto come sono.

correlati

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Solve : *
7 + 11 =