Gruppo PD su ricorso a privati su lista d’attesa

Pd Terni nuovo piano sanitario regionale non pianifica nulla

Gruppo PD su ricorso a privati su lista d’attesa

“Servivano assunzioni, programmazione chiara di servizi sul territorio e investimenti, invece l’assessore regionale Luca Coletto continua a parlare di apertura ai privati e, invece di fare concorsi, chiede al Governo 88 nuove figure sanitarie. L’esempio, l’ennesimo, di una gestione fallimentare e caotica”.


Fonte Acs Umbria


Così i consiglieri del Partito democratico Simona Meloni, Tommaso Bori, Michele Bettarelli, Donatella Porzi e Fabio Paparelli “in merito alle ultime dichiarazioni dell’assessore regionale alla sanità”.

“La linea, anche per smaltire le liste d’attesa ovvero le 80mila prestazioni Lea del 2021, è quella di ricorrere ai privati. Una linea anticipata in campagna elettorale e che, con disarmante coerenza, la Lega al governo regionale continua a portare avanti costringendo alla resa il sistema sanitario pubblico, universalistico ormai fiaccato dalle terribili scelte compiute. Ci saremmo aspettati una svolta anche dal nuovo piano sanitario – proseguono i consiglieri dem – ma il documento preadottato non è in grado di dare risposte alla carenza di organico e strutture. Ancora una volta ci si rivolge alla sanità privata per sanare un vulnus. E’ quasi una resa che certifica un fallimento. La sanità privata può e deve integrare ma non sostituire”.

“Continuare a lavorare in questo modo – concludono i consiglieri Pd – porta a far sentire i cittadini smarriti e insicuri rispetto ad un settore non più all’altezza. La sanità pubblica è sempre più percepita come inadeguata, e questo porta a fidelizzare i cittadini verso le strutture convenzionate, quando invece si dovrebbe incidere sulle carenze attuali. Continuiamo dunque a denunciare e a contrastare un modus operandi deleterio, che porterà la nostra Regione a perdere la sanità di qualità che abbiamo conosciuto per molto tempo”.

RED/mp link alla notizia: http://www.consiglio.regione.umbria.it/node/70496

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*