Dissesto Comune di Terni, Corte dei Conti dà ragione a M5s

Il consiglio comunale di Terni approva la variante al Prg

da Thomas De Luca
Dissesto Comune di Terni, Corte dei Conti dà ragione a M5s La sentenza delle Sezioni riunite della Corte dei Conti parla chiaro: se il Partito Democratico avesse accolto il piano del MoVimento Cinque Stelle, il Comune di Terni non sarebbe in dissesto. Le motivazioni sono inequivocabili e puntano il dito contro il mancato riconoscimento dei debiti fuori bilancio e l’inattendibilità delle coperture, valutazioni che confermano pienamente le pesantissime ombre sui bilanci 2013-2016.

Leggi anche: Terni, comune in dissesto, primi odiosi ritardi nei pagamenti

La Corte dei Conti ha rigettato in ogni aspetto il ricorso presentato dal Comune costato ben 40 mila euro, spiccioli in confronto all’immensa voragine di debiti ancora da accertare.

È doveroso ricordare come sin dall’avvio della procedura, a ottobre 2016, il M5S aveva costantemente evidenziato queste criticità, offrendo la piena disponibilità a collaborare con tutte le forze politiche per una via di salvezza. L’arroganza e la presunzione hanno però pregiudicato in maniera irreversibile ogni possibilità di evitare il dissesto.

È proprio da questo atteggiamento che la nostra città deve ben guardarsi in futuro. Da Sindaco di Terni avvierò una stretta collaborazione con l’Organo straordinario di liquidazione e con la Corte dei Conti per fare definitivamente chiarezza sullo stato finanziario dell’Ente e per fare in modo che non siano i cittadini, in particolar modo le fasce più deboli, a pagare per gli errori del passato. Un presupposto imprescindibile per portare a compimento quanto prima il percorso di risanamento del bilancio del Comune.

Chi oggi si appresta a mettere la propria faccia come bollino di garanzia del disastro creato in questi anni, alla luce delle responsabilità in entrambi gli schieramenti, sia nel centrosinistra che nel centrodestra, è bene che rifletta. La continuità con il passato comporta l’assunzione anche delle responsabilità di altri.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*