Crisi governo, data umbra elezioni regionali resta standby, forse a metà ottobre

 
Chiama o scrivi in redazione


Elezioni regionali, Sbarra chiarisce: “Non sono candidato a nulla e non sfido nessuno”

Crisi governo, data umbra elezioni regionali resta standby, forse a metà ottobre

La crisi del governo apre la possibilità di un ritorno alle urne già a metà ottobre. L’Umbria resta in standby sulla data. Si fa strada l’ipotesi election day, nel caso in cui sia ndasse a elezioni politiche anticipate. Matteo Salvini ha già indicato come data utile il 13 ottobre, manche le domeniche successive sono considerate buone (20 e 27). Il 27 ottobre, data scelta dal presidente Fabio Paparelli potrebbe essere scelta per un eventuali election-day. Ma l’Umbria potrebbe essere costretta a rivedere tutto in nome del decreto legge 98 del 2011: le consultazioni elettorali si svolgano in un’unica data nell’arco dell’anno. Nel caso in cui, dunque, venga individuata una domenica diversa per le elezioni politiche anticipate, un decreto ministeriale potrebbe costringere l’Umbria a modificare la data individuata. Al momento viene presa per buono la data del 27 ottobre. Per la presentazione delle liste c’è tempo fino al 27 settembre.

I candidati alla poltrona della presidenza di Palazzo Donini sono già sei. Alcune candidature sono ufficiali altre stanno maturando.

La prima candidatura ufficiale è quella dell’attuale consigliere regionale Claudio Ricci. Era il candidato presidente del centrodestra nel 2015. Si presenterà con tre liste di «ricostruzione civile»: Ricci Presidente, Italia Civica e Proposta Umbria.

Poi c’è Antonio Pappalardo, generale di brigata dei carabinieri in pensione, il secondo a candidarsi alla carica di presidente dell’Umbria. Alle elezioni politiche del 2008 si candidò con il Movimento per le Autonomie di Raffaele Lombardo in tre collegi per il Senato, non riuscendo a centrare l’elezione. Dal 2016 è presidente del Movimento Liberazione Italia, che fa riferimento al Movimento dei Forconi.

Poi il centrosinistra (capitanato dal Pd) potrebbe vedere come candidato il civico Andrea Fora, ma non è ancora certo. La compagine più a sinistra del partito, spinge per Luca Ferrucci.

Il centrodestra con Donatella Tesei (Lega) alla presidente e Marco Squarta di FdI alla vicepresidenza

Per i Cinquestelle molto dipenderà da come si evolverà la questione sul leader Luigi Di Maio. Il nome in ballo è quello dell’attuale consigliera regionale, Maria Grazia Carbonari, Andrea Liberati ha detto che si ritirerà.

«Potere al Popolo» ha annunciato la discesa in campo.

E poi c’è Rossano Rubicondi che scende in campo appoggiato dal Partito comunista.

I socialisti pensano di giocarsi la carta di Luciano Bacchetta, sindaco di Città di Castello, attuale Presidente della Provincia di Perugia.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*