Connessione con le ciclovie nazionali, interrogazione Carla Casciari (Pd)

Il consigliere regionale annuncia la presentazione di una interrogazione in occasione della Settimana europea della mobilità sostenibile

 
Chiama o scrivi in redazione


Casciari su caso Reggio Emilia: "Mettere al centro i diritti dei bambini"

Connessione con le ciclovie nazionali, interrogazione Carla Casciari (Pd) In occasione della “Settimana europea della mobilità, dedicata quest’anno alla multimodalità nella scelta dei mezzi di trasporto”, il consigliere Carla Casciari (Pd) annuncia la presentazione di una interrogazione alla Giunta di Palazzo Donini in merito ai percorsi ciclabili dell’Umbria.

© Protetto da Copyright DMCA

 

Nello specifico, Casciari chiede all’Esecutivo regionale “se e quali azioni sono state intraprese, nell’ambito del Protocollo d’Intesa con Toscana e Lazio, per la messa in esercizio dei tratti incompleti lungo per il percorso ciclabile del fiume Tevere, utile alla miglior connessione del nostro percorso con la Ciclopista del Sole e la Ciclovia Romea; come intende supportare l’inserimento delle ciclovie regionali nell’ambito della rete ‘Bicitalia’, anche attraverso le proposte da presentarsi nell’ambito del Piano regionale della mobilità ciclistica. In particolare la Ciclopista del Sole, che ad oggi dal Brennero scende fino a Firenze, dovrebbe ricomprendere le ciclovie regionali nei territori di Arezzo, Chiusi ed Orvieto fino ad arrivare a Roma; e la Ciclovia Romea, che da Venezia arriva a Roma, dovrebbe sfruttare il tratto toscano-umbro-laziale lungo il corso del fiume Tevere. Il tratto umbro del percorso, di quasi 200 km, tocca importanti città della nostra regione e costituisce l’asse principale dell’esistente rete ciclistica regionale sulla quale s’innestano poi anche anche ciclovie, quali ad esempio quella che porta ad Assisi o al lago Trasimeno”.

 

Nell’atto ispettivo, il consigliere regionale evidenzia che “la promozione dell’uso della bicicletta implica un miglioramento dell’efficienza, della sicurezza e dei percorsi di mobilità, ma presuppone anche la tutela del patrimonio ambientale e culturale. Significa valorizzare il territorio connettendo le bellezze del paesaggio con percorsi ciclabili facilmente individuabili e percorribili, in un’ottica di promozione turistica e sviluppo del territorio. In Italia – spiega Casciari – sono state individuate 10 ciclovie turistiche, che fanno parte della rete ‘Bicitalia’, connessa a sua volta con la rete transeuropea Eurovelo. Il Piano nazionale dedicato a queste ciclovie ha previsto risorse per circa 370 milioni di euro, che sono state ripartite secondo appositi protocolli d’intesa con le Regioni sulle quali queste infrastrutture insistono. Le ciclovie umbre, ad oggi, non fanno parte della rete Bicitalia e sono quindi escluse dal Piano nazionale finanziato, sebbene molti tratti dei nostri percorsi ciclabili potrebbero essere parte integrante delle ciclovie già riconosciute”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*