Caso Calabria e Umbria, Zingaretti PD, non c’è alcuna differenza di posizioni

 
Chiama o scrivi in redazione


Mancate dimissioni Marini, Zingaretti: "Ha fatto grave errore, sono deluso"

Caso Calabria e Umbria, Zingaretti PD, non c’è alcuna differenza di posizioni

© Protetto da Copyright DMCA

“Non c’è alcuna differenza di posizioni” del Pd tra il caso Calabria e il caso Umbria. Lo ha detto il leader dem Nicola Zingaretti rispondendo ai giornalisti al Senato. “La politica deve sempre garantire trasparenza, difesa del territorio e selezione delle classi dirigenti – aggiunge -. Semmai c’è stata una differenza di valutazione delle inchieste da parte del M5S: quando gli indagati sono il sindaco di Torino o di Roma si mantengono gli incarichi come nulla fosse, quando non sono del loro partito si diventa giustizialisti”.

Ieri sera Nicola Zingaretti ospite di “Porta a Porta“ aveda detto: “C’e’ solo una cosa peggiore del giustizialismo, ed e’ il giustizialismo di partito, per il quale si fa dimettere una persona per l’interesse del partito“, rispondendo a chi – come riferisce Agi – gli chiedeva se avesse fatto dimettere il governatore Pd della Calabria Mario Oliverio. “La politica deve valutare la scelta migliore da fare, a salvaguardia del territorio“, ha concluso Zingaretti.

Dichiarazioni che, a fronte di quanto il segretario nazionale del Pd disse non appena esploso il ciclone “concorsopoli” in Umbria, fanno saltare sulla seggiola. Sì perché, i più attenti ricorderanno che Zingaretti disse che “...confidava nella responsabilità della presidente (Catiuscia Marini ndr). Attendiamo di verificare le valutazioni della presidente”.

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*