Agea non paga, parlamentari Lega Umbria dal ministro Agricoltura Centinaio

Lega lancia raccolta firme a sostegno di Salvini, alla Marini rispondiamo così

Agea non paga, parlamentari Lega Umbria dal ministro Agricoltura Centinaio

La prossima settimana i parlamentari Lega Umbria incontreranno il nuovo Ministro dell’Agricoltura Gian Marco Centinaio, capogruppo Lega al Senato, da ieri nella squadra del Presidente Conte. Sul tavolo l’emergenza Agea  e la proposta  di legge regionale avanzata nei giorni scorsi dai consiglieri Lega, Valerio Mancini ed Emanuele Fiorini e riguardante la sostituzione di Agea con un ente pagatore di esclusiva competenza regionale, così come accade in Veneto o in Lombardia.

I ritardi di Agea nel distribuire i fondi europei agli agricoltori umbri sono intollerabili, si è creato un empasse pericoloso che sta mettendo in ginocchio l’intero sistema agricolo regionale – tuonano i parlamentari Lega Caparvi, Briziarelli, Tesei, Marchetti e Pillon – per questo che abbiamo richiesto un incontro urgente al Ministro Centinaio.

LEGGI ANCHE: Trattori in piazza Italia contro Agenzia, mobilitazione agricoltori Coldiretti

Crediamo nella validità della nostra proposta e saremo in piazza, Lunedì e Martedì a Perugia, assieme a tutte le associazioni di categoria per protestare contro questa inaccettabile situazione e per spiegare loro la nostra proposta, che trova concepimento nei principi del federalismo, gli stessi che hanno fatto, di Veneto e Lombardia, delle regioni virtuose.

LEGGI ANCHE: Stefano Candiani, Lega, l’Umbria gli umbri rimarranno sempre nel mio cuore

Al Ministro Centinaio – continuano gli esponenti Lega – esporremo, nel dettaglio, la situazione dell’Umbria per cui ci sono oltre 500 imprese in attesa dei contributi europei ed altrettante famiglie, da oltre un anno, in attesa di risposte dovute. Con la Lega al Governo, il futuro di Agea sarà fortemente messo in discussione, per questo che il Sen. Candiani ha già depositato un disegno di Legge , firmato pure dal Segretario  Matteo Salvini, mentre in Umbria siamo già pronti con una soluzione alternativa. La rivoluzione del buon senso comincia da qui”

correlati

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Solve : *
24 × 9 =