Perugia, città vietata ai ciechi e agli ipovedenti, da oggi si cambia

Perugia, città vietata ai ciechi e agli ipovedenti, da oggi si cambia

Perugia, città vietata ai ciechi e agli ipovedenti, da oggi si cambia

È stato approvato all’unanimità l’ordine del giorno presentato dal consigliere comunale Carmine Camicia su “Perugia, città vietata ai ciechi e agli ipovedenti”. La discussione, che si è tenuta martedì 8 gennaio durante la seduta della IV commissione consiliare permanente, ha visto la partecipazione di Ottavio Dorillo dell’Associazione non vedenti e ipovedenti Umbria (Aniu), Luca Crocioni e Vittoriano Leto della onlus Associazione italiana lotta abusi (Aila), Giovanni Inguscio dell’Associazione nazionale privi della vista e ipovedenti (Anpvi),

Roberto Regnicoli del Comune di Perugia, settore aree verdi, e l’architetto Maurizio Angelici, dirigente della Regione Umbria (infrastrutture e mobilità).

Tari, Camicia, sospendere raccolta rifiuti ai morosi che hanno debitiSoddisfazione è stata espressa da parte di Camicia, che ha sottolineato: “L’istanza propone di tutelare i soggetti socialmente deboli, di cui l’amministrazione comunale sembra non avere a cuore.

Perugia allo stato attuale è una città con mezzi pubblici vietati non solo ad anziani e disabili, ma anche ai non vedenti, e con tantissime barriere architettoniche”.

“Una situazione non degna di una città capoluogo di regione – ha concluso il consigliere –, pertanto con la mia proposta si impegna il sindaco ad abbattere le barriere architettoniche e a rapportarsi con la direzione dell’Azienda di trasporto pubblico, chiedendo il rispetto di quanto previsto dal Parlamento europeo (14.02.2002<tel:14/%2002/2002>) che sancisce che ‘tutti gli autobus dell’Unione europea dovranno essere accessibili ai passeggeri diversamente abili, a persone anziane, a genitori con bambini, compreso bambini seduti in passeggini, alle persone di bassa statura, ai non vedenti e agli ipovedenti e anche a persone con ridotte capacità motoria, compreso le menomazioni sensoriali e intellettive’”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*