Censimento telecamere, c’è tempo fino al 30 novembre, multe a chi non lo fa

 
Chiama o scrivi in redazione


Città più controllata, telecamere allo svincolo E45 e a Perugia Nord

Censimento telecamere, c’è tempo fino al 30 novembre, multe a chi non lo fa Come previsto dall’articolo 30 del Regolamento di Polizia Urbana, venerdì 30 novembre scade il termine per mettersi in regola con il censimento delle telecamere di videosorveglianza installate a Perugia dai privati, importante progetto pilota sulle politiche della sicurezza composto e varato dal Comune di Perugia con la Prefettura di Perugia. L’adempimento è semplice, basta accedere al sito internet comunale, dove compare il banner dedicato al censimento, bastano pochi clic e l’inserimento di alcuni pochi dati.

Sono obbligati a comunicare questi dati tutti coloro che hanno installato telecamere di videosorveglianza, con l’unica esclusione di quelle installate all’interno di private abitazioni e loro pertinenze esclusive (quale un giardino, con puntamento solo interno).

Tutte le altre telecamere vanno comunicate, dagli spazi condominiali, agli esercizi commerciali, banche, farmacie ecc. ecc. Per capire se obbligati, è sufficiente considerare quella sola esclusione, ogni altra telecamera di videosorveglianza attiva va comunicata e censita.

Come previsto dall’articolo 36 del Regolamento di Polizia Urbana, la mancata comunicazione è soggetta a sanzione amministrativa per un importo sino ad € 500,00, mentre va considerato che non vi saranno ulteriori proroghe, oltre quella già disposta al prossimo 30 novembre, che rimarrà termine ultimo per provvedere con detto semplice, ma importante, adempimento.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*