Bilancio comune di Perugia, per il 2019 manovra da oltre 495 milioni di euro

 
Chiama o scrivi in redazione


Forza Italia, Regionali, Bertinelli coordinatore linee guida programma
Cristina Bertinelli

Bilancio comune di Perugia, per il 2019 manovra da oltre 495 milioni di euro

E’ stato approvato dalla Giunta comunale, su proposta dell’assessore Cristina Bertinelli, il bilancio di previsione 2019/2021, elaborato in base alle previsioni formulate dai responsabili dei servizi dell’ente. “Sostanzialmente – ha spiegato l’assessore Bertinelli- il bilancio previsionale per il 2019 è in linea con quello del 2018, proseguendo, da un lato,  l’obiettivo del risanamento dei conti avviato fin dall’inizio del mandato e, dall’altro, quello dell’incremento degli investimenti, per ridare slancio alla città e all’economia interna e del miglioramento dei servizi comunali.”

Per l’esercizio 2019, è prevista, dunque, una manovra da oltre 495 milioni di euro. Sulla parte delle entrate correnti, sostanzialmente, la legge di bilancio 2019 non ha apportato modifiche al quadro normativo dei tributi, rispetto agli esercizi precedenti.  Anche il fondo di solidarietà comunale rimane sostanzialmente invariato rispetto all’anno scorso.

Tra le poste in aumento si evidenziano, invece, i contributi ministeriali per il Bando Periferie e i progetti nazionali. Un incremento, invece, è previsto per i trasferimenti correnti da amministrazioni locali, che passano da 6.856.392,38 euro del 2018 a 7.684.648,82 (+16,67%).

L’incremento, in questo caso, è principalmente dovuto all’iscrizione del contributo per la mobilità alternativa, pari a 1 milione e mezzo.

Per quanto riguarda la previsione della spesa corrente è anch’essa in linea con il previsionale 2018, mentre rispetto prevede un incremento del 19,50% rispetto al consuntivo presunto del 2018, circa 186 milioni circa, a fronte dei 156 circa del 2018, che però dipende dall’applicazione di nuovi principi contabili relativi al Fondo crediti di dubbia esigibilità (15.236.941,11 euro) e al Fondo di riserva (798.275,71 euro) che non vengono impegnati in competenza e confluiscono nel risultato di amministrazione dell’esercizio. A questo proposito è da sottolineare il costante impegno per accelerare e ottimizzare la riscossione delle entrate già in corso dagli anni passati.

Per quanto riguarda, quindi, le entrate in conto capitale –complessivamente pari a circa 69 milioni e mezzo- si osserva un incremento del 77,76% rispetto al consuntivo presunto 2018, quando le stesse sono state pari a circa 15 milioni e mezzo.

6.418.441,57 euro è, invece, l’importo previsto per l’accensione di mutui destinati agli interventi di edilizia scolastica, viabilità ed edifici comunali nel 2019. Sul piano delle spese in conto capitale (90 milioni contro i 19 registrati a consuntivo presunto 2018), sono ricomprese le opere e i lavori previsti nel programma triennale dei lavori pubblici.

Da evidenziare che la copertura del disavanzo tecnico di amministrazione, emerso con il rendiconto 2014 e applicata a ciascun bilancio di previsione fino al 2042 per 1,2 milioni di euro, nel 2019 sarà in realtà di 3 milioni e 350mila euro, finanziato con i proventi delle alienazioni patrimoniali, in particolare della vendita dell’immobile di Madonna Alta alla Usl.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*